Idv sull'esito referendum acqua, nucleare e legittimo impedimento

acqua 1' di lettura 13/01/2011 -

Considerando l’esito decisamente favorevole della raccolta firme per i referendum contro privatizzazione dell’acqua, nucleare e legittimo impedimento, l’Idv si ritiene ampiamente soddisfatto e intende ringraziare di cuore i tantissimi cittadini che hanno preso parte con grande senso di responsabilità alle battaglie che da sempre il nostro partito porta avanti con convinzione.



Siamo grati a quanti hanno voluto dimostrare, ancora una volta, che “l’unione fa la forza” non è solo un modo di dire, ma una realtà che dovrebbe spingere tutti ad una maggior partecipazione civile e politica alle questioni che ci riguardano da vicino.

La Corte Costituzionale, grazie all’intervento dei tanti firmatari, ha quindi dichiarato ammissibili i quesiti referendari. Quello sul legittimo impedimento, anche se accolto solo in parte, sopravvive e dimostra ancora una volta la ragionevolezza delle nostre posizioni sull’illegittimità dello scudo. Ci auguriamo, comunque, che possano essere abrogate tramite referendum le parti fatte salve dalla Corte Costituzionale.

A breve saranno rese note le date in cui si terrà la consultazione popolare e siamo convinti che anche allora la partecipazione sarà così numerosa e sentita.

Sulla questione dell’acqua si è dichiarato soddisfatto il leader dell’Idv, Antonio Di Pietro. Il quesito proposto dal Forum dei movimenti e ammesso dalla Consulta, infatti, essendo più ampio rispetto a quello proposto dall’Idv, ha ricompreso inevitabilmente anche quest’ultimo, portando avanti un principio sacrosanto e condiviso.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 13-01-2011 alle 17:53 sul giornale del 14 gennaio 2011 - 783 letture

In questo articolo si parla di politica, acqua, nucleare, IdV Marche

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/gi3