Falconara: estorce denaro ad un disabile, in manette una giovane rom

1' di lettura 07/01/2011 -

Una giovane nomade, con precedenti, è stata tratta in arresto in flagranza di reato dai Carabinieri di Falconara Marittima in quanto colpevole di ricatto, minaccia ed estorsione ai danni di un ex compagno di scuola disabile.



La donna, attraverso minacce verbali e con un coltello puntato alla gola della vittima, sarebbe riuscita ad estorcere denaro al giovane tre volte a settimana per almeno 7 mesi consecutivi. La somma variava dai 20 ai 40 euro.

La vittima, che vive con i genitori, per non far preoccupare i familiare non ha mai denunciato la donna ed ha sempre 'pagato'. Poi, quando la situazione stava ormai degenerando, la somma richiesta aumentava e le minacce si stavano facendo più serie, il ragazzo disabile ha deciso di raccontare tutto ai genitori. Questi, tentando di risolvere la situazione direttamente con la giovane rom, hanno provato a persuaderla.

La donna, che era solita attendere la vittima alla fermata dell'autobus dopo il termine dell'orario di lavoro dell'uomo, avrebbe addirittura alzato la somma richiesta. Pertanto, i genitori del giovane si sono rivolti ai Carabinieri. Indagini, appostamenti e pedinamenti in borghese hanno quindi condotto i militari ad arrestare in flagranza di reato la giovane rom.






Questo è un articolo pubblicato il 07-01-2011 alle 18:41 sul giornale del 08 gennaio 2011 - 788 letture

In questo articolo si parla di cronaca, carabinieri, falconara marittima, arresto, Sudani Alice Scarpini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/f8n