Porto Recanati: hanno clonato un bancomat, arrestati

Carabinieri e bancomat 2' di lettura 02/01/2011 -

La conclusione del 2010 per i carabinieri della Compagnia di Civitanova Marche è stata all’insegna del lavoro. Infatti, per consentire alla popolazione di trascorrere un fine d’anno sicuro e sereno, sono state mobilitate tutte le forze disponibili (tra Radiomobile e Stazioni) che ha permesso di eseguire un capillare controllo sul territorio con particolare cura per la viabilità e per i pregiudicati.



Tale attività preventiva ha indotto gli utenti della strada ad essere prudenti sia nella conduzione dei loro mezzi che nel consumo di alcol, tanto è vero che si è avuto un solo ritiro di patente nella notte di San Silvestro per guida in stato di ebbrezza. Il conducente aveva un tasso alcolemico di 1,88 G/L, di molto superiore al consentito.

L’attività repressiva messa in campo per il contrasto dei reati previsti dal Codice penale ha consentito ai militari della Stazione di Porto Recanati di individuare e deferire a P.L alla Magistratura Maceratese due cittadini Bulgari di anni 29 e 24 anni per “FRODE INFORMATICA”, ovvero per la clonazione di un bancomat.

I colleghi della Stazione di Civitanova Marche, dopo serrate indagini, hanno individuato e deferito a P.L. un trentenne di Civitanova Marche responsabile di un danneggiamento, eseguito con il lancio di una biglia di acciaio a mezzo di una fionda professionale, di una finestra dell’abitazione di un professionista di Civitanova Marche. Episodio, accaduto il 30 dicembre, che in un primo tempo aveva fatto pensare ad un’azione intimidatoria nei confronti del professionista e che poi le indagini hanno chiarito come dovuto a situazione casuale ed accidentale.

Comunque le investigazioni hanno permesso di acclarare che il giovane aveva in casa armi da taglio ed una carabina ad aria compressa non denunciate all’Autorità di P.S. ed anche per tale violazione è stato deferito a P.L.






Questo è un articolo pubblicato il 02-01-2011 alle 10:47 sul giornale del 03 gennaio 2011 - 715 letture

In questo articolo si parla di cronaca, michele pinto, carabinieri, bancomat

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/fYG