Ancona: caso Goffo, il Dna in casa della vittima appartiene al tecnico ascolano

rossella goffo 2' di lettura 17/11/2010 -

Rossella Goffo, la funzionaria della Prefettura di Ancona scomparsa la notte fra il 4 e il 5 maggio scorsi, sarebbe stata assassinata. E secondo la Procura di Ancona che si sta occupando del caso, ad uccidere la donna sarebbe stato proprio A.B., il tecnico della Questura di Ancona con cui la funzionaria avrebbe avuto una relazione extraconiugale.



Il 42enne, sposato con figli, attualmente indagato con l'accusa di omicidio premeditato, è stato interrogato nuovamente dal pm Irene Bilotta. Un interrogatorio, durato tre ore, al quale ha assistito anche il legale dell'uomo. A.B., al quale appartiene il Dna estratto da alcuni reperti biologici ritrovati dagli inquirenti nell'appartamento anconetano della donna, continuerebbe però a dichiarare la propria estraneità ai fatti in quanto non avrebbe, secondo lui, un motivo valido per ucciderla ed occultare il cadavere. Il tecnico infatti dichiara di non aver avuto nessuna relazione sentimentale con la funzionaria, originaria di Rovigo.

Al contrario, la Procura sostiene che, seppur con alti e bassi, i due avrebbero avuto un legame sentimentale duraturo. Una relazione che avrebbe convinto la funzionaria, nonostante la volontà del 42enne a troncare la storia, a chiedere il trasferimento ad Ancona, dove viveva con altre ragazze fino al giovedì. Prima di tornare nel weekend a Treviso dalla famiglia.

Alla luce di tutto ciò, secondo il pm, A.B., esasperato dalla situazione e dall'insistenza della donna, avrebbe attirato Rossella Goffo in una trappola per ucciderla, prima di occultare il cadavere. E il tutto, secondo la ricostruzione della Proura, sarebbe avvenuto in una zona impervia tra le campagne di Acquasanta Terme e quelle di Comunanza.

Nel frattempo, continuano le ricerche da parte degli Agenti della Squadra Mobile di Ancona nell'abitazione ascolana del tecnico e nelle zone limitrofi.






Questo è un articolo pubblicato il 17-11-2010 alle 00:25 sul giornale del 17 novembre 2010 - 873 letture

In questo articolo si parla di cronaca, ancona, ascoli piceno, squadra mobile, Sudani Alice Scarpini, rossella goffo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/eq4





logoEV
logoEV