Ancona: si è riunito il nuovo coordinamento regionale dell'IdV

Italia dei Valori 3' di lettura 28/10/2010 -

Lunedì 25 ottobre si è riunito ad Ancona il nuovo coordinamento regionale dell’Italia dei Valori. Il “parlamentino” dell’Idv fra eletti e membri di diritto (segretari provinciali, consiglieri ed assessori regionali) è infatti composto da 28 elementi.



Ad aprire i lavori, il neo coordinatore regionale David Favia il quale ha tenuto innanzi tutto a sottolineare il clima costruttivo che ha caratterizzato il primo congresso regionale IdV. “Un clima che pur nelle differenziazioni - ha detto appunto Favia – fa ben sperare in una possibile gestione unitaria del partito in un momento così delicato per la nostra regione e per il Paese. L’IdV nelle Marche è cresciuto ed ha una sua marcata visibilità proprio per la capacità di proposta che sa esprimere. La stessa esperienza di governo che ci vede impegnati nella giunta e nel consiglio regionale dimostra quanto ricca sia la nostra progettualità e quanto forte sia il nostro impegno al servizio della comunità marchigiana”. Favia ha poi sviluppato tematiche legate all’azione di governo regionale ed ha brevemente indicato la linea politica del partito auspicando di poter arrivare ad una gestione per quanto possibile condivisa. Alla relazione del coordinatore regionale sono seguiti numerosi interventi fra cui quello del candidato coordinatore di minoranza, Borghesi il quale ha espresso la propria valutazione positiva sui contenuti e sui toni che hanno caratterizzato il recente congresso regionale ma ha anche evidenziato la necessità di un adeguato riconoscimento della minoranza all’interno dell’organigramma dell’IdV Marche.

A seguire, Favia ha proposto alla carica di responsabile degli enti locali Dante Merlonghi, a quella di tesoriere Maria Cristina Curzi ed a quello di responsabile dell’organizzazione Roberto Signorini che, entrambi, il coordinamento regionale IDV ha eletto. Nel passare poi alla nomina dei vice coordinatori e dell’esecutivo che per decisione unanime deve essere snello e quindi in grado di conferire dinamismo e tempestività all’azione politica, lo stesso Favia ha proposto la nomina di tre vice coordinatori: il segretario provinciale di Fermo, il segretario provinciale di Macerata e Gianfranco Borghesi in rappresentanza di quegli iscritti che l’hanno sostenuto in occasione del congresso regionale. Sempre alla minoranza Favia ha proposto un rappresentante da affiancare al responsabile dell’organizzazione ed un altro esponente da affiancare al responsabile degli enti locali. Analoga apertura Favia ha auspicato all’interno delle diverse segreterie provinciali dove ovviamente la componente minoritaria esiste.

Alla proposta del segretario i quattro membri del coordinamento espressi dalla minoranza hanno chiesto una pausa di riflessione e quindi si è per il momento proceduto all’elezione dell’esecutivo di cui fanno parte oltre al coordinatore David Favia, i cinque segretari provinciali di Ascoli Andrea Cardilli, di Ancona Ennio Coltrinari, di Pesaro Claudio Olmeda, di Fermo Adolfo Marinangeli (vice coordinatore) e di Macerata Giovanni Torresi (vice coordinatore), il responsabile degli enti locali Dante Merlonghi, il responsabile dell’organizzazione Roberto Signorini, i consiglieri regionali Paola Giorgi, Luca Acacia Scarpetti, Sandro Donati e Paolo Eusebi, la coordinatrice regionale donne Ninel Donini, ed il coordinatore regionale giovani Alessandro Verardi.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 28-10-2010 alle 17:25 sul giornale del 29 ottobre 2010 - 520 letture

In questo articolo si parla di politica, italia dei valori, idv

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/dPB





logoEV