counter

Mogliano: rischia di perdere il lavoro e si ferisce, grave un pachistano

ospedale 1' di lettura 26/09/2010 -

Teme di perdere il lavoro perche' parla in azienda con un connazionale clandestino, lo scaccia a frustate e lo manda in ospedale. E' l'incredibile storia venuta a galla in questi giorni a Mogliano.



Protagonisti tre stranieri, due regolari ed uno clandestino. Proprio la condizione di irregolarità di uno dei tre sarebbe alla base del folle gesto. Uno dei due pachistani regolari, per paura di perdere il posto perchè "parlava" con l'amico clandestino, ha iniziato a prenderlo a frustate con una canna di plastica fino a mandarlo in ospedale. Per poi farsi ferire dal fratello per simulare un’aggressione da parte dell’altro e discolparsi.

Il giovane ferito, E. M., 23 anni, aveva chiesto aiuto ai due connazionali trentenni. Chiedeva un posto di lavoro. Uno dei due però, per paura di essere scoperto a parlare con un clandestino, ha iniziato a picchiarlo procurandogli diverse feriti e mandandolo all'ospedale. Il datore di lavoro, richiamato dalle incessanti grida, ha immediatamente soccorso il ferito, portandolo in ospedale. Per paura di essere denunciato e di perdere dunque il lavoro, il 30enne si è fatto ferire dal fratello, cercando di simulare una colluttazione. Si è procurato una profonda ferita alla schiena, con un chiodo. Una lesione così vasta che l’uomo ora è ricoverato in prognosi riservata. E’ stato comunque denunciato a piede libero per lesioni personali dolose, simulazione di reato e calunnia, in concorso con il fratello.






Questo è un articolo pubblicato il 26-09-2010 alle 23:51 sul giornale del 27 settembre 2010 - 641 letture

In questo articolo si parla di attualità, riccardo silvi, ospedale

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/cBh





logoEV
logoEV