counter

Ancona: violazione delle norme di pesca, nei guai un peschereccio di San Benedetto

1' di lettura 15/09/2010 -

Gli uomini della Capitaneria di Porto di Ancona, martedì mattina, nell'ambito dei controlli finalizzati a prevenire e contrastare la pesca abusiva hanno posto a sequestro amministrativo il pescato di un'unità da pesca di San Benedetto, che è stata anche sanzionata.



L'unità da pesca della Marineria di San Benedetto in questione è stata infatti sorpresa dagli uomini della Capitaneria di Porto con un quantitativo di vongole 'venus gallina' pari a 800 chilogrammi, superiore di 200 chilogrammi circa rispetto al limite consentito dalla legge. Il quantitativo massimo previsto dalla stessa è di 600 chilogrammi.

Pertanto il pescato, posto a sequestro amministrativo, essendo ancora allo stato vitale, è stato rigettato in mare mentre il proprietario del peschereccio che ha violato la norma della legge, che si propone di garantire il corretto sviluppo della specie interessata, unitamente alla tutela dello stock ittico esistente, è stato sanzionato di 2 mila euro.

Nel frattempo, la Capitaneria di Porto avvisa che i controlli, finalizzati al contrasto della violazione delle norme in materia di pesca, continueranno anche nei prossimi giorni.






Questo è un articolo pubblicato il 15-09-2010 alle 00:19 sul giornale del 15 settembre 2010 - 607 letture

In questo articolo si parla di cronaca, pesca, capitaneria di porto, ancona, san benedetto del tronto, Sudani Alice Scarpini, capitaneria, pesca abusiva

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/b9G





logoEV
logoEV