counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > CRONACA
articolo

Civitanova: razzismo e bullismo contro un venditore ambulante, la ricostruzione dei militari

1' di lettura
884

carabinieri

Ascoltate le testimonianze dei presenti e dei genitori dei bambini accusati di bullismo-razzismo ai danni di un venditore ambulante del Bangladesh che si era soffermato allo stabilimento balneare 'Golden Beach' a Civitanova per riposarsi, i Carabinieri di Civitanova hanno ricostruito l'episodio che non sembrerebbe essere come raccontato in precedenza dalla cronista romana. Ecco perchè non vi sono state querele, secondo la ricostruzione.

Dalle testimonianze raccolte il giovane venditore si sarebbe fermato sulla sdraio per riposarsi e, in quel momento, i ciqnue bambini sotto i 14 anni, tra cui due bambine, sarebbero accorsi intorno alla 'vittima' ed avrebbero iniziato un 'giocoso mercanteggiare'. Il loro atteggiamento giocoso, sottolineato dai sorrisi sia sul volto dei bambini che su quello dell'immigrato, non avrebbero destato alcuna preoccupazione sui genitori. Poi udite alcune frasi e parole meno 'piacevoli e giocose' da parte dei bambini, una delle mamme presenti avrebbe quindi rimproverato il gruppetto richiamandoli all'ombrellone.

Dunque, secondo le testimonianze raccolte e la ricostruzione dei militari, nessun episodio di bullismo-razzismo tanto che il venditore ambulante, dopo l'allontanamento dei bambini, sarebbe rimasto ancora un pò sulla sdraio prima di decidere liberamente di andare via. Pertanto, nessuna querela al riguardo è stata presentata ma i Carabinieri invieranno un rapporto dettagliato sull'accaduto alla Magistratura.



carabinieri

Questo è un articolo pubblicato il 31-08-2010 alle 16:43 sul giornale del 01 settembre 2010 - 884 letture