counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > POLITICA
comunicato stampa

IdV: il 2 Giugno 'D-Day' giornata della democrazia

2' di lettura
633

Italia dei Valori

"Il prossimo mercoledì 2 giugno, l'Italia dei Valori promuoverà il 'D-Day': la giornata della democrazia. Sarà un appuntamento speciale all'interno della campagna referendaria promossa dall'Idv contro la privatizzazione dell'acqua, il nucleare e il legittimo impedimento''. Lo afferma in una nota il Presidente dell'Italia dei Valori, Antonio Di Pietro.

''Una giornata volta a rilanciare l'importanza della partecipazione attiva - aggiunge - che vedrà i cittadini protagonisti. Centomila firme in un solo giorno: questo il traguardo da raggiungere. Saranno mille i gazebo dell'IdV sparsi su tutto il territorio nazionale dove sarà possibile aderire alla raccolta firme. Il sito www.trereferendum.it contiene tutte le informazioni utili e l'elenco dei punti di ritrovo per dare il proprio sostegno".

"I cittadini - conclude il leader dell'IdV- potranno così dare un segnale forte e chiaro a questo esecutivo irresponsabile che continua a calpestare la Res pubblica con leggi scandalose e volte a tutelare gli interessi della casta e dei furbetti del quartierino''. Anche nella nostra Regione il D-Day dell’IdV (già in questo fine settimana i banchetti ed i gazebo dell’IdV sono comunque presenti su tutto il territorio) sarà occasione per incontrarsi nelle piazze delle maggiori città marchigiane ma anche nei centri minori. Da Ancona a Pesaro, da Macerata ad Ascoli Piceno, a Fermo. Ma anche a Jesi, Fano, Urbino, Fabriano, Senigallia, Osimo, Civitanova, San Benedetto, tanto per citarne alcuni. E poi i punti di raccolta delle firme saranno in tantissimi piccoli Comuni che potranno così portare il loro contributo di firme per dare un segnale forte ad un Governo sempre più in affanno.

Anche nelle Marche l’IdV è dunque al fianco dei cittadini, in ogni provincia e in ogni città per spiegare le ragioni che ci hanno spinto ad iniziare questa nuova battaglia. Una battaglia in difesa della libertà, della democrazia e volta a restituire la parola e la dignità agli italiani. Grazie alla loro firma, infatti, sarà possibile bloccare tre normative altamente antidemocratiche. Infatti, se non fermeremo la legge sul legittimo impedimento non saremo più tutti uguali davanti alla legge perché ai magistrati, di fatto, verrà impedito di processare il Presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, ed i Ministri. Se non difenderemo l’acqua pubblica ci allontaneremo dai bisogni dei cittadini e sarà svenduto un bene prezioso alle multinazionali: l’acqua. Se non bloccheremo l’avanzata del nucleare saranno spesi soldi inutili e saranno messe a rischio la salute della popolazione e del nostro territorio.



Italia dei Valori

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-05-2010 alle 17:28 sul giornale del 31 maggio 2010 - 633 letture