counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > POLITICA
comunicato stampa

Zinni: guai a procedere con le nomine delle terne ASUR

2' di lettura
724

Giovanni Zinni

"Ritengo opportuno che il neo nominato Direttore Generale Asur Piero Ciccarelli - dice il Consigliere regionale de Il Popolo della Libertà Giovanni Zinni - interrompa immediatamente qualunque azione come direttore, in particolare la designazione delle terne dei dirigenti delle zone territoriali proprio perché mi risulta incompatibile".

Oggi ho depositato la mia interrogazione alla Giunta regionale sull'incompatibilità del neonominato, pertanto ritengo politicamente doveroso non solo che lo stesso Ciccarelli non eserciti alcuna nomina, ma soprattutto ritengo che la Giunta debba immediatamente sospenderlo dall'incarico in attesa di verificare la fondatezza della mia interrogazione. Tale fondatezza deriva dal D.Legislativo 502 del 30/12/1992 e ss.mm.ii., che, vorrei ricordare a chi fa finta di essere sordo, stabilisce che un dipendente di qualunque zona territoriale è incompatibile, anche se posto in aspettativa non retribuita, con l'incarico di Direttore Generale, in quanto la strutturazione delle ex ASL marchigiane attualmente si configura in un soggetto giuridico unico, cosa che in passato non era. In definitiva qualunque dipendente di qualsiasi Zona territoriale non potrà mai essere Direttore Generale della Asur, a meno che questi non si licenzi o vada in pensione, cosa che chiaramente emerge dalla norma sopra citata.

Politicamente sono infastidito da questo silenzio della Giunta regionale, che deve immediatamente dare un segnale di legalità, di rispetto delle leggi e di chiarezza politica. Sono convinto che il dott. Ciccarelli sia un ottimo medico e professionista e sono convinto che farlo lavorare da incompatibile sarebbe da parte della Giunta Regionale un atto svilente l'immagine dello stesso, ma anche di tutto l'ordine dei medici. Nessuno deve credere che vincendo le elezioni si possa ancora una volta fare quello che si vuole nella sanità marchigiana, venga fatta chiarezza subito da parte della Giunta regionale e si ripristini il rispetto delle istituzioni.



Giovanni Zinni

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 24-05-2010 alle 17:27 sul giornale del 25 maggio 2010 - 724 letture