counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > SPETTACOLI
comunicato stampa

Genga: aspettando Poiesis

3' di lettura
565

Trecento persone, ben distribuite lungo tutto il percorso, hanno costituito uno degli elementi del suggestivo ed affascinante quadro d’insieme offerto dello spettacolo tenuto all’interno delle Grotte di Frasassi, quale anteprima assoluta della rassegna “Poiesis madre terra”.

Cornice resa ancora più espressiva dal fatto che tanti altri potenziali spettatori, sono rimasti in fila, fuori, con la remota speranza di poter partecipare all’evento. Facile capire che soltanto ragioni logistiche ed organizzative non hanno permesso a coloro che lo desideravano di poter assistere, nel meraviglioso esempio del fenomeno geologico del carsismo tipico della zona, all’intervento da combattente dell’Ambiente di Mario Tozzi, geologo e noto volto televisivo e neanche di poter ammirare le abili mani di Federico Paolinelli (pianista e compositore) che a volo d’angelo hanno regalato agli astanti una performance musicale per solo pianoforte di alto livello.

Francesca Merloni, poetessa ed interprete, con la recitazione di alcuni sui versi e in veste conduttrice della manifestazione ha suggellato un successo annunciato del prologo del Festival Poiesis, giunto alla sua terza edizione. Preludio caratterizzato proprio da questa novità: la Rassegna d’arte, poesia, musica e cinema che ha nel cuore di Fabriano la sua location, ha invece preso le mosse “Nel cuore della terra”, fra le rinomate e fantastiche strutture delle formazioni calcaree della Grotta Grande del Vento. Palpabile sin dall’inizio la gran tensione emotiva di “Aspettando Poiesis, insieme armonico” ha detto la sua ideatrice e direttrice “tra la poesia e la passione del fare”. Da queste parole un susseguirsi di suggestioni dell’animo e delle mente assicurato dal concerto di Paolinelli, con brani per solo pianoforte, provenienti dai due cd “In volo” e “Sopra l’oceano”, giocati in uno stile eloquente ed immediato che attraversa la New Age, la classica e la musica pop. “Composizioni” ha chiosato il giovane pianista e ingegnere nato ad Ancona “in cui si alternano stati d’animo, riflessioni interiori, slanci, e sogni, tentativo di andare “oltre” ed esprimere attraverso la musica sentimenti ed emozioni che fanno parte della vita di tutti noi difficilmente esprimibili in altro modo”.

“Se non ci credete durante la performance di Paolinelli, guardate in alto e non chiudete gli occhi” ha detto Francesca Merloni, nella conferenza stampa di presentazione di questo appuntamento alla quale hanno partecipato la presidente della Provincia, Patrizia Casagrande, il sindaco di Genga, Giuseppe Medardoni, il vice presidente del Consorzio Fracassasi, Leonardo Animali, “scoprirete la forza musicale di questo musicista che si sta imponendo per la leggera incisività sonora, per il timbro caratteristico che lo rende artista dell’aria, del mare e della forma celeste”. Parole che calzano a pennello nella circolarità d’ immagine assicurata al pubblico, poi preso per mano da Mario Tozzi, scrittore e conduttore televisivo, in un avvincente intervento sull’evoluzione culturale e biologica, mettendo a confronto scienza e cultura.

La voce, la presenza e la consueta passione e bravura di Francesca Merloni, hanno fatto il resto dimostrando quanto è importante, oggi più di ieri, per Fabriano ed il suo comprensorio, aggregare presenze, persone, ambienti su un’idea forte: il valore della poesia nel rapporto tra gli uomini e il mondo naturale, raccontando il territorio attraverso la cultura e consentirne un recupero non passivo e con protagonisti i suoi cittadini.




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 24-05-2010 alle 14:43 sul giornale del 25 maggio 2010 - 565 letture