counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > ATTUALITA'
comunicato stampa

Corinaldo: una foto e una maglia sporcata di rosso per il casting di Teatro Sovversivo

3' di lettura
538

amat marche

Vuoi provare a fare teatro? Porta con te una foto e una maglia bianca sporca di vernice rossa. La Compagnia Teatro Sovversivo, venerdì 14 (ore 21.00) e sabato 15 maggio (ore 18.00) al Teatro Goldoni di Corinaldo (An) selezionerà giovani dai 14 ai 35 anni da inserire in compagnia e creare una sorta di “in-stabile di Corinaldo”.

L’iniziativa è parte di HabitaTeatro, prima esperienza regionale di residenza teatrale di lunga durata, nata dalla volontà dell’Assessorato alla Cultura della Provincia di Ancona in collaborazione con l’Amat e realizzata con i Comuni di Arcevia, Corinaldo, San Marcello e Offagna per connettere creatività e piccoli tessuti cittadini, confidando nella naturale capacità che ha il teatro di favorire incontri e creare comunità attorno a sé. Cosa succederà ai giovani aspiranti, una volta selezionati? "Saranno condotti verso una vera produzione teatrale proponendo loro una nuova modalità di fare teatro, un’attenzione diversa, un respiro nuovo" , dice il regista e formatore Lorenzo Bastianelli, motore del nucleo di quattro studenti di ingegneria che dal 2007 ha preso il nome di Teatro Sovversivo. L'idea è quella di misurarsi su Medio-Ego, filosofia su cui Teatro Sovversivo lavora dal 2005 e che ha dato vita a tutti gli spettacoli del gruppo.

"Medio-Ego - prosegue Bastianelli - è un chiaro messaggio: per Teatro Sovversivo il mondo sta scivolando sempre più verso una nuova era dominata quasi esclusivamente dall’egoismo che pervade molte delle azioni umane, invade il pensiero e brucia l’essenza degli uomini. Egoismo che circonda l’agire e lo porta fino ad estreme conseguenze. La sfida è, quindi, quella di non andare a imporre qualcosa: nessuno spettacolo preconfezionato, nessun contenitore sterile su cui mettere del cibo avanzato da ricchi pasti, nessun uso marionettistico dei ragazzi. Vorremmo vivere quei ragazzi, conoscerli e capire come tirare fuori da loro e dal loro tessuto sociale la loro identità più vera, per ritrovare il ‘teatro dell'inizio’, per farli ritrovare nella nostra modalità di esserci. Diceva il filosofo armeno Georges Gurdjieff: “Dovete comprendere che ogni uomo ha un definito repertorio di ruoli che egli interpreta nelle circostanze ordinarie... ma mettetelo in anche minime differenti circostanze ed egli sarà incapace di trovare un ruolo da interpretare e per un breve periodo di tempo egli diventerà se stesso”. Noi vogliamo creare un progetto forte e dare ai ragazzi la consapevolezza piena di quello che stanno costruendo volta dopo volta. Ascoltare, creare, distruggere, ricreare da nuovo, vestire, cullare, odiare. Vorremmo andare a Corinaldo per scambiare frammenti di vita da far brillare in un potente spettacolo; una produzione dove tutti hanno voce in capitolo, con le loro ansie, con le proprie paure, con la timidezza. Tutto!".

Prova e decidi tu se sei pronto a fare teatro, ma ricorda di portare con te una foto e una maglia bianca sporca di vernice rossa, l’unica cosa richiesta ai candidati. Per informazioni e prenotazioni: teatrosovversivo@gmail.com tel. 349/6144995 oppure Amat 071/2072439.



amat marche

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 12-05-2010 alle 18:30 sul giornale del 13 maggio 2010 - 538 letture