counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > ATTUALITA'
comunicato stampa

Il saluto di Spacca ai Ministri: 'Marche cerniera tra le sponde dell'Adriatico'

3' di lettura
555

gian mario spacca

In occasione del XII Consiglio dell’Iniziativa Adriatica Ionica che si svolgerà oggi ad Ancona a Palazzo degli Anziani, il presidente della Regione, Gian Mario Spacca, porterà il saluto delle Marche ai ministri riuniti per l’importante evento.

La riunione sarà presieduta dal Ministro degli Affari Esteri Franco Frattini e vi prenderanno parte i Ministri degli Esteri di Albania, Bosnia Erzegovina, Croazia, Montenegro, Serbia, Slovenia e il viceministro degli Esteri della Grecia. Prima dell’apertura dei lavori, Spacca rivolgerà ai presenti il benvenuto nelle Marche.

“E’ con grande piacere che porgo il benvenuto ai rappresentanti dei Paesi amici che compongono la Comunità dell’Adriatico. Ringrazio la città di Ancona ed il suo Sindaco, dott. Fiorello Gramillano per aver permesso lo svolgimento della riunione odierna in questo Palazzo che ha visto, dieci anni fa, alla presenza dei massimi vertici della Unione Europea, la firma della ‘Dichiarazione di Ancona’ con la quale è stata sancita, da parte degli Stati aderenti all’Iniziativa Adriatico Ionica, la volontà di intraprendere un cammino comune che porti le nostre popolazioni ad un futuro di pace e di prosperità. L’Adriatico rappresenta per noi un sistema nel quale sono condivise esperienze storiche, sociali e culturali che, stratificatesi nei secoli, hanno favorito, dopo la costituzione dell’Iniziativa Adriatico Ionica, una sempre maggiore cooperazione fra i Paesi che vi si affacciano.

L’impegno della nostra Regione per favorire l’attività dell’Iniziativa Adriatico Ionica, divenuto ancora più intenso dopo l’istituzione del Segretariato Permanente che ha sede qui ad Ancona, nasce dall’essere, da secoli, quasi una cerniera fra le due sponde dell’Adriatico e dalla profonda consapevolezza che solo attraverso il dialogo e l’integrazione è possibile costruire un futuro migliore per le nostre popolazioni, e, soprattutto, per i nostri giovani. I Paesi che si affacciano sul bacino adriatico ionico costituiscono un ambito che consente di sviluppare un approccio strategico basato sulla condivisione di problemi ma anche di opportunità e prospettive e già legati fra loro da esperienze di cooperazione, alcune delle quali nascono dai programmi europei, altre, come il Forum delle Città dell’Adriatico e dello Ionio, il Forum delle Camere di Commercio, la rete delle Università UniAdrion e l’Euro Regione Adriatica, trovano il loro fondamento nella profonda volontà di collaborazione delle diverse componenti della società civile. I risultati fin qui ottenuti consentono di affrontare con maggior sicurezza la nuova sfida che ci attende: ottenere dall’Unione Europea il riconoscimento di una Strategia per la Macro Regione Adriatica che dia una cornice compiuta alle molteplici iniziative e progetti già in atto e, soprattutto, consenta di operare in maniera sinergica su materie di rilievo per l’intera area. La sfida è impegnativa ed occorre affrontare il cammino che ci attende con la massima unione, non solo degli Stati e delle diverse Istituzioni coinvolte, ma anche degli stakeholders, e quindi avviare, fin da subito, una capillare campagna di informazione e coinvolgimento che consenta di raccogliere intorno a questo grande progetto la massima adesione possibile.

La Regione Marche farà, come sempre, tutto ciò che è in suo potere per sostenere le Autorità dello Stato per raggiungere questo importante obiettivo , a cominciare dalla prosecuzione del supporto fornito al Segretariato permanente dell’Iniziativa. L’auspicio di tutti è che l’incontro di oggi costituisca una pietra miliare per il percorso che dovrà portarci ad ottenere il riconoscimento della Strategia per la Macro Regione Adriatica. Ringrazio tutti i Ministri degli Affari Esteri, che insieme costituiscono l’organo di direzione dell’Iniziativa Adriatico Ionica, per la determinazione con cui sosterranno la strategia della Macro Regione Adriatica presso le Autorità dell’U.E. Ringrazio il Ministro degli Esteri Franco Frattini e il Sottosegretario Alfredo Mantica, per aver dato vigore e impulso al protagonismo dell’Iniziativa Adriatico Ionica in quest’anno. Ringrazio infine il Montenegro, che oggi assume la Presidenza, perché sono certo che proseguirà sulla stessa strada. Rinnovo a tutti voi il benvenuto ad Ancona e vi auguro buon lavoro”.



gian mario spacca

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 04-05-2010 alle 15:26 sul giornale del 05 maggio 2010 - 555 letture