counter

Pesaro: Sakota sta meglio, la stella della Scavolini si è risvegliato

sakota 1' di lettura 28/04/2010 - Domenica sera uno scontro di gioco, poi il coma ed ora il risveglio. Sono migliorate le condizioni di Dusan Sakota, il ventiquattrenne cestista serbo della Scavolini ricoverato da giorni all'ospedale San Salvatore di Pesaro e appena risvegliato dal coma farmacologico.

Sakota si era scontrato domenica sera al primo minuto di gioco con Poeta durante il match fra Tercas Teramo e la Scavolini. Uno scontro normalissimo che non aveva destato nessun sospetto. Il cestista aveva inizialmente risentito del colpo ma, una volta uscito dal Parquet, non aveva accusato particolari dolori.


Per precauzione comunque Sakota ha fatto subito rientro nelle Marche accompagnato dal direttore sportivo Alessandro Barbalich, ma durante il tragitto ha accusato di nuovo dolori allo stomaco, così il viaggio si è trasformato in una corsa disperata sull'autostrada verso il pronto soccorso dell'ospedale di Pesaro.


Sakota aveva un'emorragia interna. Operato d'urgenza martedì pomeriggio, è peggiorato de è stato messo in coma farmacologico. La notte è passata in maniera tranquilla ed infine il risveglio.


"Nonostante le condizioni generali siano stazionarie, a Ntousan “Dusan” Sakota è stata “sospesa la sedazione farmacologia ed è stato rimosso il tubo endotracheale -precisa il primario di Rianimazione Filiberto Martinelli -. Respira senza il supporto di macchinari, è vigile e collabora. Quando abbiamo interrotto il coma farmacologico, era presente tutto il personale medico e infermieristico che lo ha informato della presenza di uno striscione fuori dall’ospedale in suo onore. Ci ha chiesto di salutare tutti i tifosi - conclude il primario -. Continuano i monitoraggi chirurgici della lesione duodenale e per le condizioni ancora severe permane la degenza nel reparto di Rianimazione”."





Questo è un articolo pubblicato il 28-04-2010 alle 14:04 sul giornale del 29 aprile 2010 - 827 letture

In questo articolo si parla di cronaca, riccardo silvi, pesaro, sakota





logoEV
logoEV