counter

Legambiente Marche fa i migliori auguri alla nuova giunta regionale

luigino quarchioni 2' di lettura 21/04/2010 - Il Presidente tiene per sé la delega alla green economy. Quarchioni: “Ottimo segnale per il futuro della Regione”.

“Rivolgiamo i nostri migliori auguri alla nuova giunta regionale appena insediata e già a lavoro”. Queste le parole di Luigino Quarchioni, presidente di Legambiente Marche, di fronte alle composizione del nuovo governo regionale. “I primi segnali lanciati dal nuovo esecutivo lasciano ben sperare per il futuro della Regione. Il Presidente Spacca, nell'assegnare le deleghe ai nuovi assessori, ha tenuto per sé tra le altre nomine anche quella alla green economy, riservando alla sua carica un campo d'azione e uno spazio di lavoro determinante per il futuro della Regione. Investire nelle rinnovabili, puntare sulle tradizioni e l'artigianato locale, dare voce alle tipicità del territorio e promuovere la storia e la cultura della nostra Regione, anche attraverso il turismo, significa dare forza e sostenere meccanismi economici già avviati in questi anni oltre che tutelare le caratteristiche ambientale del nostro territorio e aumentare la qualità della vita dei marchigiani, per Legambiente elementi prioritari.


Molti giovani imprenditori negli ultimi tempi hanno riscoperto le grandi possibilità che la nostra Regione può offrire e hanno deciso di investire sul territorio creando una nuova economia, basata sulla qualità, ricerca e innovazione. Per guardare negli occhi la crisi che attanaglia l'industria marchigiana, è necessario fare attenzione alla sfida ambientale che ci aspetta ed essere in grado di cogliere le opportunità che rendono il nostro territorio unico in tutto il mondo. Questa delega – conclude Quarchioni – ci sembra un ottimo segnale per l'economia e il futuro della nostra Regione. Del resto, questa scelta del Presidente ci sembra in perfetto accordo con l'ennesimo cartellino rosso che lo stesso Spacca ha rivolto al nucleare nella Regione in queste ultime ore. La tutela e la salvaguardia dell'immenso patrimonio regionale mal si concordano con la possibilità di ospitare grandi centrali e il nucleare nelle Marche, oltre che essere in completo disaccordo con il Piano Energetico Ambientale Regionale”.






Questo è un articolo pubblicato il 21-04-2010 alle 16:31 sul giornale del 22 aprile 2010 - 518 letture

In questo articolo si parla di legambiente, giunta, Luigino Quarchioni





logoEV
logoEV