counter

Montecosaro: Confartigianato, in una lettera le ragioni delle piccole imprese

calzature 2' di lettura 20/04/2010 - Confartigianato e Cna inviano una lettera ai sindaci del distretto calzaturiero: solo ora si accorgono dell’importanza del made in Italy e si fanno portavoce della “rabbia” degli artigiani. 

L’hanno scritta Confartigianato e Cna delle Marche indirizzata a tutti i sindaci del distretto calzaturiero del fermano maceratese. Improvvisamente ritorna d’attualità l’argomento del “Made in Italy” e il Comune di Montecosaro si fa capofila di una “ cordata” di primi cittadini (26 comuni per la precisione) che si ritroveranno giovedì 22 presso il Teatro delle Logge a Montecosaro per firmare un protocollo di intesa sulla tutela del made in Italy, facendosi “portavoce della rabbia degli artigiani”. Confartigianato Imprese Marche e CNA Marche hanno da sempre sostenuto e difeso, purtroppo spesso orgogliosamente da sole, la produzione fatta davvero e solo nel nostro paese, nonostante forze contrarie, chiare e note con nomi e cognomi, abbiano ostacolato da più di quindici anni l’approvazione di norme a tutela di quelle tante piccolissime imprese, quasi tutte artigiane, vero perno dell’economia dal momento che le imprese fino a 20 addetti rappresentano il 98% del totale delle aziende manifatturiere italiane e realizzano un valore aggiunto di 62 miliardi di euro, il più alto in Europa.


Elencare tutto ciò che è stato fatto in questo periodo di tempo, potrebbe non essere esaustivo in quanto negli ultimi due anni incontri e audizioni presso Ministeri e Commissioni Parlamentari si sono susseguite con cadenza periodica per presentare e discutere nostre proposte di Legge o per modificare quelle già presentate da altri. Per quanto riguarda il territorio delle Marche ci limitiamo a ricordare che negli ultimi nove mesi abbiamo ripetutamente interessato della materia tutti i Parlamentari Nazionali e i Consiglieri Regionali, abbiamo presentato la proposta di legge regionale per l’istituzione del marchio volontario per la tracciabilità dei prodotti e il protocollo d’intesa per la sostenibilità della Filier. Per tutto quanto sopra riteniamo oggi come non mai che occorra proseguire, e ci auguriamo insieme ai sindaci, nelle iniziative per difendere il saper fare delle nostre imprese, la cultura e la tradizione produttiva profondamente radicate nei nostri territori per difendere e sostenere i sistemi territoriali, anche quando non si è sotto i riflettori. Pertanto le Associazioni artigiane invitano i sindaci a promuovere e a fare un “lavoro di squadra” in vista della firma del protocollo di intesa.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-04-2010 alle 16:48 sul giornale del 21 aprile 2010 - 646 letture

In questo articolo si parla di attualità, confartigianato, Calzature, montecosaro, artigiani