counter

Pesaro: estorsione e minacce ad imprenditori correntisti, nei guai un direttore di banca

guardia di finanza 1' di lettura 14/04/2010 - I militari del Nucleo di Polizia Tributaria di Pesaro hanno concluso un'articolata indagine che ha coinvolto un direttore di banca accusato di estorsione finalizzata ad ottenere denaro in cambio di mutui richiesti da alcuni imprenditori.

Nei confronti dell'indagato la Procura della Repubblica di Pesaro ha emesso un'informazione di garanzia ipotizzando i reati di estorsione, appropriazione indebita, minacce e violenza privata, a danno di ditte in gravi difficoltà economiche operanti nel settore edile.

Le Fiamme gialle di Pesaro hanno rilevato richieste estorsive che il direttore faceva agli imprenditori. L'uomo, infatti, poteva controllare i conti delle sue vittime e non avrebbe avuto scrupoli a minacciare azioni di fallimento nei confronti degli imprenditori stessi. Il funzionario, che rischia da 5 a 10 anni di reclusione, avrebbe partecipato direttamente ad attività societarie mediante il ricorso a parenti prestanomi a cui intestava quote societarie ed immobili degli imprenditori correntisti che subivano l'estorsione.






Questo è un articolo pubblicato il 14-04-2010 alle 19:16 sul giornale del 15 aprile 2010 - 559 letture

In questo articolo si parla di cronaca, francesca morici, pesaro, guardia di finanza, denaro, estorsione





logoEV
logoEV