counter

Scarponi: Finalmente un consigliere osimano in Regione

3' di lettura 09/04/2010 - Tutti parlano dei pochi voti espressi a favore di Latini; proviamo a fare un'analisi: Latini si schiera con Spacca - il marchio API viene pubblicizzato solo 30 giorni prima del voto - nella sola zona di Osimo la presenza di 10 candidati concorrenti  - elezioni poco sentite - Latini, a differenza di tutti gli altri candidati della zona, ha dovuto fare da coordinatore regionale del movimento. I 14.552 voti nelle Marche sono la riprova di un ottimo risultato.

Analisi del dopo non voto!
Era così prevedibile? una vera consacrazione del vero primo partito in ITALIA, quello del non voto + schede bianche e nulle = oltre 40% hanno messo in evidenza un distacco e disinteresse da una scelta legittima e sacrosanta. Forse perchè in molti ormai pensano che le cose con questi non cambieranno mai. Una campagna oscurantista dove le vere problematiche erano insabbiate da fiumi di ipocrisie. Oggi come oggi questo non serve! Altri sono i problemi del quotidiano: come vengono bruciati i nostri soldi, ad una mancanza di Stato di diritto, ad un progetto unitario di come uscire da una crisi lunga, ed appena iniziata.

Basterebbe avere rispetto ed amore per la nostra bandiera e capire che solo con un obiettivo condiviso possiamo vincere questa sfida. Abbiamo ereditato dalla storia un bagaglio culturale enorme siamo quelli che meglio di altri sanno usare la materia grigia. Dobbiamo creare un nuovo modello di economia e di sviluppo tutto made in Italy. Il federalismo
fiscale dovrà essere il primo passo!

Ma ora veniamo alle nostre Regionali

FINALMENTE ABBIAMO UN CONSIGLIERE OSIMANO

Tutti come al solito dicono di aver comunque vinto anche se hanno preso i voti dei loro parenti... Osimo poteva benissimo aspirare ad almeno due consiglieri ma come al solito è prevalso il protagonismo dei tanti. Dopo decenni non abbiamo ancora capito che la destra deve puntare su un solo candidato, il centro su un solo candidato e la sinistra su un solo candidato; basta fare i conti della serva e penso che Osimo aveva questa opportunità. Pensate che il candidato dei Verdi è consigliere con appena 550 voti.

Tutti parlano dei pochi voti espressi a favore dell'ex sindaco Latini; proviamo a fare un'analisi: Latini si schiera con Spacca quindi fa una scelta verso il centro sinistra anche se le sue Liste Civiche hanno un dna spostato a destra - il marchio API che gli osimani non hanno mai visto viene pubblicizzato solo 30 giorni prima del voto - nella sola zona di Osimo la presenza di 10 candidati concorrenti - elezioni poco sentite - va specificato che Latini, a differenza di tutti gli altri candidati della zona, ha dovuto fare da coordinatore regionale del movimento, far campagna a sostegno degli altri candidati della lista, organizzando iniziative e riunioni (anche in termini di spesa). I 14.552 voti nelle Marche sono la riprova di un suo ottimo lavoro che come sempre ha dato "il risultato". L'importante ora è essere al tavolo di un ente che è sempre più determinante per le scelte sul nostro territorio. Il Comune così non dovrà più spendere i soldi per la Tac o per la strada di bordo, soldi che potevano essere investiti in altre cose. A buon intenditor poche parole...





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 09-04-2010 alle 19:03 sul giornale del 10 aprile 2010 - 626 letture

In questo articolo si parla di politica, osimo, api, liste civiche, dino latini, antonio scarponi





logoEV
logoEV