counter

Urbania: sgominata banda che spacciava droga agli studenti

carabinieri generico 2' di lettura 03/04/2010 - Sgominata dai Carabinieri della Compagnia di Urbino una banda dedita allo spaccio di droghe pesanti tra gli studenti delle scuole superiori della zona di Urbania.

Quattro giovani sono finiti in manette in flagranza di reato, venerdì notte nel centro di Urbania, nell'ambito di un'operazione condotta dal Nucleo Operativo e Radiomobile dei Carabinieri di Urbino in collaborazione con i militari della Stazione di Urbania, Piobbico e dell’Aliquota CC della sezione di P. G. presso la Procura della Repubblica. I quattro sono accusati di aver spacciato cocaina ed eroina, quest'ultima sia bianca sia "brown sugar", a operai e studenti delle scuole superiori della zona e dintorni.


L'indagine, avviata a febbraio, coinvolge molti giovani provenienti da diversi ceti sociali alcuni dei quali indebitati per rifornirsi della sostanza. Il gruppo di spacciatori aveva le basi logistiche nelle abitazioni di Nafi Ilazi e Astrit Lepuri ed in due bar nel centro di Urbania, dove avveniva lo smercio dello stupefacente. Dalle indagini è emersa l'esistenza di una banda composta da soggetti di diversa provenienza originari dei paesi dell'est, tra cui due albanesi ed un macedone, ben organizzata e solidamente radicata sul territorio. Ognuno svolgeva un compito preciso dal rifornimento fino alle operazioni di taglio e confezionamento delle singole dosi per la successiva immissione nel mercato, opportunamente suddiviso per evitare sovrapposizioni.


Il reato contestato è quello di concorso in spaccio di sostanze stupefacenti. Complessivamente l'indagine ha portato a cinque arresti ed al sequestro di circa 4000 euro, provento dell'attività di spaccio, al recupero di circa 100 grammi di hashish, 70 grammi di cocaina ed una decina di grammi di eroina. Nell'ambito dell'indagine si colloca anche l'arresto di un giovane incensurato originario di Urbania, Z. L., 21 anni, fermato lungo la superstrada della Contessa nel pomeriggio del 31 marzo dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile mentre tornava dall'Umbria dove aveva fatto un primo carico di hashish, un panetto di 50 grammi, che aveva nascosto all'interno dei propri boxer. Lo stupefacente era destinato alla piazza di Urbania. Le indagini inoltre hanno consentito di appurare che la cocaina veniva venduta 60 euro al grammo, l'eroina a 50 euro al grammo e l'hashish a 10 euro.






Questo è un articolo pubblicato il 03-04-2010 alle 17:17 sul giornale del 06 aprile 2010 - 863 letture

In questo articolo si parla di cronaca, francesca morici, droga, urbino, carabinieri, urbania