counter

Una Pasqua da un milione di chili di agnello per i marchigiani

agnello 2' di lettura 01/04/2010 - Un milione di chili di carne di agnello finirà sulle  tavole dei marchigiani in occasione delle festività pasquali.

Ad affermarlo è la Coldiretti Marche, nel sottolineare che la novità di quest’anno è rappresentata dal boom fatto registrare negli acquisti di carne certificata. Secondo dati Coldiretti-Bovinmarche, l’Agnello della Marca, il marchio che identifica gli animali nati e allevati nei pascoli d'alta quota dell'Appennino centrale, ha incrementato del 30 per cento le vendite.


La carne è caratterizzata da un innovativo sigillo alimentare che non può essere strappato e va cotto assieme al prodotto, essendo composto di amido di mais. In questo modo i consumatori possono portare in tavola agnello realmente made in Marche, evitando i rischi dei “tarocchi” provenienti dall’estero.


Se, ricorda Coldiretti, nella nostra regione si producono ogni anno duecentomila agnelli, di cui la metà in occasione delle festività pasquali, altrettanti vengono importati dai paesi dell'Est Europeo per essere venduti come italiani, nonostante siano di qualità inferiore rispetto alle produzioni nostrane. Ciò, sottolinea Coldiretti Marche, rappresenta un danno per gli allevatori marchigiani, ma anche un inganno verso il cittadino consumatore che, credendo di comperare carne italiana si porta a casa un prodotto non altrettanto buono.


Da qui la necessità di estendere anche alla carne di agnello l'obbligo di indicare la provenienza in etichetta al pari di quanto avviene per quella bovina e di pollo, ma si sta anche lavorando per far riconoscere una denominazione Igp (Indicazione geografica protetta) per l'agnello dell'Italia Centrale. Sul fronte dei prezzi, quelli pagati agli allevatori si sono mantenuti sui livelli dello scorso anno (circa 4 euro), mentre quelli al consumo si aggirano tra i 10 e i 15 euro.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 01-04-2010 alle 10:27 sul giornale del 02 aprile 2010 - 517 letture

In questo articolo si parla di attualità, coldiretti, agnello





logoEV
logoEV