counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > POLITICA
comunicato stampa

Ciccioli (PdL): certamente non abbiamo vinto ma il risultato è buono

1' di lettura
499

carlo ciccioli

Prima di essere delusi bisogna esaminare con serenità i dati. Innanzitutto il Popolo della Libertà, anche se per poche centinaia di voti, resta il primo partito della regione.

La coalizione di centro destra sfiora il 40%, senza l’UDC. Nel 2005 con l’UDC arrivammo al 38,5%. Oggi miglioriamo di oltre un punto quel risultato senza l’UDC che comunque ha riportato il 5,6% di voti. Evidentemente siamo riusciti a trattenere la maggior parte dell’elettorato dell’UDC, partito che si è dovuta riconquistare la sua percentuale nell’ambito dell’elettorato di centro sinistra, probabilmente proveniente dall’ex Margherita. I protagonisti dell’operazione svolta a sinistra Viventi e Pettinari, non sono stati eletti. Cioè sono stati puniti dal loro stesso elettorato tradizionale. Nell’ambito degli eletti del Popolo della Libertà ci sono volti nuovi, giovani e combattivi. L’opposizione guadagnerà in vivacità e presenza. Comunque mi sento di ringraziare coloro che non sono stati rieletti, a cominciare da Giannotti, Cesaroni, Brini e Santori perché hanno dato un contributo significativo al successo della lista.


Ora andranno comunque recuperati nel progetto del partito. Marinelli è stato un ottimo candidato, si è impegnato con entusiasmo e generosità e non deve essere deluso perché la sua era chiaramente una “missione impossibile”; pur anticipando la candidatura e utilizzando ulteriori supporti comunque non avremmo potuto recuperare più di un 2/3%. Nelle Marche esiste un’incrostazione di interessi politico-affaristici che magari per idee alle Europee e alle Politiche stanno con il centro destra ma quando entrano in campo interessi personali sul territorio privilegiano il centro sinistra che garantisce più manipolazioni e clientelismo. Occorre capire, nella prossima legislatura, come scardinare questo intreccio perverso.



carlo ciccioli

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-03-2010 alle 15:19 sul giornale del 31 marzo 2010 - 499 letture