counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > ATTUALITA'
comunicato stampa

Confindustria: tempi certi per la Pedemontana

1' di lettura
736

confindustria generico
E’ improcrastinabile la realizzazione del tratto della Pedemontana che collega Fabriano a Sassoferrato: questa la denuncia puntuale degli industriali fabrianesi oggetto di diversi incontri che il Comitato fabrianese, presieduto da Diego Mingarelli, ha avuto in queste ultime settimane con tutte le amministrazioni pubbliche del territorio. La richiesta puntuale è anche parte integrante del documento programmatico realizzato da Confindustria Marche in occasione delle elezioni regionali.
“E’ sempre più urgente la necessità di completare la cosiddetta Pedemontana delle Marche. – ha affermato Mingarelli – In particolare, per il nostro territorio è diventato impellente prolungare l’arteria, già prevista da Fabriano a Matelica all’interno del progetto Quadrilatero, nel tratto tra Fabriano e Sassoferrato, già appaltato, ma senza risultati, oltre 10 anni fa dall’ANAS. Questa strada è strategica per spostare il traffico, pesante e non, lungo una direttrice che eliminerebbe l’attraversamento di Fabriano e l’utilizzo della Provinciale della Grotte di Frasassi, con il conseguente degrado di una strada che riveste un alto interesse naturalistico e artistico. Tanto più che recentemente questa stessa strada è stata chiusa al traffico per molti giorni, con la conseguente deviazione di tutto il traffico proprio sulla città di Fabriano.

“Sin dall’inizio della prossima legislatura sarà necessario l’impegno della Regione e dell’ANAS – conclude Mingarelli - per riaprire il confronto in merito; la definizione del progetto viario e l’individuazione delle possibilità di finanziamento per la realizzazione di questo collegamento non sono più differibili. Operiamo in un territorio di non facile accessibilità. Abbiamo bisogno di garantirci arterie viarie efficienti per migliorare la nostra competitività”.



confindustria generico

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 25-03-2010 alle 12:03 sul giornale del 26 marzo 2010 - 736 letture