counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > POLITICA
comunicato stampa

Riqualificazione degli impianti sportivi, Spacca sottoscrive gli impegni del Coni

2' di lettura
617

calcio generica

“Lo sport è una palestra di vita che racchiude tutti i valori alla base della nostra vita e dello sviluppo di una comunità locale. In tal senso può essere posto a pieno titolo all’interno delle politiche di welfare della nostra Regione, così ricca di servizi rivolti al benessere e alla salute dei cittadini. Allo sport va riconosciuta proprio questa dote: quella di rafforzare la coesione sociale”.

Così il presidente della Regione Marche, Gian Mario Spacca, è intervenuto lunedì all’incontro promosso dal Coni Marche, nel corso del quale ha sottoscritto il documento che il Comitato olimpico ha sottoposto ai candidati alla presidenza della Regione. “La funzione di coesione sociale che riveste lo sport – ha aggiunto Spacca – va esaltata a partire di ragazzi: per questo è necessario potenziare l’attività motoria all’interno delle scuole. Nel nostro programma di governo del resto c’è un’attenzione straordinaria alla scuola, in tutti i suoi aspetti”.

Le Marche figurano al quinto posto nella classifica italiana delle regioni meglio dotate dal punto di vista sportivo (dato 2009). “Questo – dice Spacca - è il risultato della politica e del lavoro svolto sul territorio, dove sono presenti 2.600 società sportive, con 156.000 tesserati, 5.000 tecnici e 15.000 dirigenti sportivi”. Diversi i progetti già messi in campo nella legislatura, soprattutto sul versante del risparmio energetico degli impianti sportivi. “Abbiamo incentivato – ha detto - progetti di bonifica ambientale e di riqualificazione dell\'impiantistica sportiva pubblica, investito ingenti risorse per migliorare la funzionalità energetica degli impianti, con un consistente abbattimento dei costi di gestione e una valorizzazione architettonica degli immobili”. Tra gli impegni per la prossima legislatura sul versante Sport, accanto al rafforzamento degli interventi per la riqualificazione delle strutture sportive, il potenziamento del sostegno e l’incentivazione della pratica sportiva da parte dei diversamente abili e degli anziani, nell’ottica di aggiungere anni alla vita anche grazie all’attività sportiva. “Su questo versante – ha detto – abbiamo già fatto molto, ma lavoreremo ancora di più”.

Così come priorità è riconosciuta al potenziamento dei servizi per la medicina sportiva nelle strutture sanitarie pubbliche. “In ogni Zona, in ogni centro sanitario – dice – andranno agevolate le pratiche per consentire ai giovani e agli atleti in genere di svolgere le visite mediche obbligatorie: ridurremo le liste d’attesa anche per le visite sportive, ricorrendo anche a convenzioni con ambulatori e professionisti privati per ampliare l’offerta delle visite gratuite. Particolarmente importante è l’istituzione, di concerto tra Regione e Coni, del Registro regionale informatico”.

“Uno dei nostri obiettivi – ha concluso il presidente – è rafforzare il confronto e il coinvolgimento delle associazioni sportive nella programmazione regionale, grazie anche all’attivazione della Consulta regionale dello sport con cui il prossimo assessore regionale, che sarà persona appassionata di sport, dovrà collaborare assiduamente”.


calcio generica

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-03-2010 alle 19:19 sul giornale del 23 marzo 2010 - 617 letture