counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > POLITICA
comunicato stampa

Paola Giorgi: la lottizzazione Pieve Col Martino può essere evitata

2' di lettura
1364

“La lottizzazione Pieve Col Martino può essere evitata”. Paola Giorgi candidata Idv al Consiglio della Regione Marche insieme all’on. David Favia hanno proposto, al sindaco Cesare Martini, una soluzione.

“Si tratta – spiega la Giorgi - di chiedere un parere legale sull’ inconsistenza delle garanzie rilasciate dalla Tesaut (ditta romana alla quale è stata affidata l’esecuzione delle opere) al Comune. Mi riferisco alle polizze rilasciate da società non primarie: la prima, (la Union General SPA) è stata dichiarata fallita del marzo del 2009, l´altra ( Istituto Finanziario privato) da informazioni commerciali assunte, risultava affidabile per un valore di 5 mila euro.


Se il parere legale – continua la Giorgi - sarà positivo il Sindaco potrà chiedere la risoluzione del contratto senza subire nessun danno patrimoniale”. Di fronte a tale proposta, Martini, sollecitato dalla Giorgi, si è subito attivato accogliendo, insieme all’Idv, l’appello lanciato da oltre 1000 cittadini firmatari di una petizione contro questa lottizzazione che prevede la costruzione di circa 300 abitazioni per oltre 60.000 metri cubi a danno di una delle zone più belle della città per il suo valore storico - architettonico e naturalistico.


“E’ questo – ha detto al Giorgi – il compito del partito che rappresento. Risolvere i problemi della gente a prescindere dai colori politici”. Mentre dalla Commissione Affari Costituzionali alla quale il capogruppo IDV On Favia ha presentato un´interrogazione non sono arrivate risposte, l’informativa inviata alla Procura della Repubblica di Camerino ha messo in moto la macchina giudiziari.


“E’ necessario quanto prima – conclude la Giorgi – avviare il procedimento di risoluzione della convenzione per San Severino e per quei cittadini che hanno a cuore il loro paese”.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 21-03-2010 alle 19:10 sul giornale del 22 marzo 2010 - 1364 letture