Castelfidardo e Tolentino: una legge regionale per tutelare la memoria storica

3' di lettura 19/03/2010 - L\'apertura delle iniziative per il 150° anniversario della battaglia di Castelfidardo e l\'organizzazione della mostra \"Il design per la valorizzazione della storia\", hanno offerto lo spunto per una riflessione sulla nuova legge regionale per la \"valorizzazione dei luoghi della memoria storica risorgimentale relativi alla battaglia di Tolentino e Castelfidardo\".

L\'apertura delle iniziative per il 150° anniversario della battaglia di Castelfidardo e l\'organizzazione della mostra \"Il design per la valorizzazione della storia\", hanno offerto lo spunto per una riflessione sulla nuova legge regionale per la \"valorizzazione dei luoghi della memoria storica risorgimentale relativi alla battaglia di Tolentino e Castelfidardo\". La deliberazione del 26 gennaio scorso presenta infatti caratteri di unicità: è la prima dedicata a siti ove si sono svolti eventi militari nelle Marche ed ha rafforzato il gemellaggio fra due realtà che - evitando qualsivoglia tipo di campanilismo - hanno puntato ad unire i progetti, così come idealmente collegati sono i fatti del 1815 e del 1860 che segnarono gli estremi del risorgimento italiano e del processo unitario. I presidenti dell\'associazione \"Tolentino 815\" Paolo Scisciani e della \"Fondazione Ferretti\" Eugenio Paoloni, hanno sottolineato come la legge sia il frutto di un percorso comune, un ottimo punto di partenza da seguire e \"riempire\" di contenuti per giungere alla costituzione del \"parco storico\", come auspicato dall\'assessore regionale uscente Marco Amagliani. Presentata in modo bipartisan dai consiglieri Massi e Comi, la legge si pone infatti come un contenitore utile ed indispensabile alle azioni di tutela e divulgazione del patrimonio culturale ed ambientale delle Marche per i Comuni, le Provincie, enti, fondazioni ed associazioni che operano in questi ambiti.


Per quanto riguarda i monumenti presenti sul territorio di Castelfidardo, si sta procedendo al restauro del Sacrario-Ossario dei caduti dei due eserciti piemontesi e pontifici, del monumento nazionale ai vittoriosi di Castelfidardo e delle maestose cancellate degli allori che lo racchiudono, mentre le scuole si stanno attivando per un progetto condiviso tra Tolentino e i due Comprensivi di Castelfidardo. La Fondazione Ferretti e l\'Associazione Tolentino \'815, hanno inoltre delineato un progetto culturale per creare un itinerario storico che collegherà altre città italiane ed europee dal nome \"la via dell\'autodeterminazione dei popoli\".Quanto ai lavori grafici realizzati dagli allievi del terzo anno del corso triennale di graphic design della Poliarte di Ancona per rinnovare la segnaletica del parco, frutto di una ricerca svolta nei luoghi stessi della \"Battaglia\" per aggiornare il carattere iconografico tramandato dalla storia al linguaggio della comunicazione attuale, notevole è stata la partecipazione al \"referendum\" per sondare gradimento e preferenze: ben 600 le schede depositate. Le più gettonate sono state le idee di Margherita Civerchia (189 voti), Valentina Menna (126) e Matteo Bonacci (117), ma probabilmente ogni simbolo verrà in qualche modo utilizzato nella campagna di comunicazione.






Questo è un articolo pubblicato il 19-03-2010 alle 20:19 sul giornale del 20 marzo 2010 - 641 letture

In questo articolo si parla di storia, castelfidardo, tolentino, Comune di Castelfidardo, battaglia di tolentino, battaglia di castelfidardo





logoEV