Spacca: siamo tra le Regioni più virtuose sul versante dei conti pubblici

spacca manifesto 2' di lettura 06/03/2010 - “Siamo tra le Regioni più virtuose in Italia sul versante dei conti pubblici”. Così il presidente della Regione, Gian Mario Spacca in merito al bilancio della Regione, a margine degli incontri pubblici con Piero Fassino nelle Marche.

“Nel corso della legislatura – aggiunge – abbiamo progressivamente ridotto il debito pubblico della Regione, passato da un miliardo e 70 milioni di euro del 2004 a 767 milioni del 2010. In questo modo le Marche sono scese sotto la media delle altre Regioni italiane in termini di indebitamento. Il controllo rigoroso della spesa pubblica e una altrettanto rigorosa programmazione si ripercuotono infatti sul debito in modo positivo. E l’affidabilità finanziaria della Regione, particolarmente importante in un momento così difficile per l’economia mondiale, è certificata da due prestigiose agenzie di rating: la Standard&Poor’ s, che assegna alla Regione il rating A+ stabile, e Moody’s, con il rating AA3 stabile, il più alto tra le Regioni”. Alla base dei rating positivi, certificano le due agenzie, ci sono il moderato livello di indebitamento, i risultati finanziari e manageriali raggiunti nella sanità (per la quale è stato completamente azzerato il deficit), l’elevato livello di utilizzo delle risorse comunitarie.



E il rafforzamento della virtuosità dei conti regionali figura tra le priorità del programma di governo del Centrosinistra per i prossimi cinque anni. “L’ ulteriore riduzione dell’indebitamento, accompagnato da quella della pressione fiscale e dell’evasione fiscale, in un quadro di sostenibilità, qualificazione della spesa e contrasto ai tagli dei trasferimenti statali sono gli obiettivi per la prossima legislatura – dice Spacca – Efficienza, appropriatezza ed economicità nell’erogazione dei servizi ai cittadini, famiglie e imprese, sono altri punti saldi del nostro programma di governo”. “Quanto ai titoli Lehman Brothers – conclude poi Spacca in merito alle polemiche sollevate dal Centrodestra - la Regione ha usato grandissima prudenza, tanto che le cifre che il Pdl esibisce si riferiscono solo all’entità del rischio virtuale di perdita connesso all’operazione con la banca Lehman. Il rischio virtuale, appunto. Nella realtà la perdita non c’è stata. Una società che fallisce comporta sempre un rischio virtuale di perdita, ma la Regione Marche lo ha prevenuto stipulando assicurazioni e contro-assicurazioni. Al contrario, le altre operazioni sul mercato finanziario internazionale hanno tutte generato risorse che hanno compensato la mancanza di trasferimenti dello Stato”.


da Comitato elettorale Gian Mario Spacca




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-03-2010 alle 17:32 sul giornale del 08 marzo 2010 - 629 letture

In questo articolo si parla di politica, gian mario spacca





logoEV