counter

Marinelli: con Spacca rischiamo secessioni a catena

erminio marinelli 3' di lettura 23/02/2010 - “Nella loro ultima amministrazione, Spacca e Ucchielli hanno fatto scappare ventimila cittadini, dalla Valmarecchia in fuga verso la Romagna. Ora a ridosso dell\'anniversario dell\'Unità d\'Italia rischiamo di perdere anche la Valmetauro che si sta mobilitando al non voto per sfiducia in venti anni di promesse. E in questi anni in Regione ci sono stati solo loro.” 

Questo è il primo argomento che il candidato Presidente Erminio Marinelli affronta nella sua riunione pomeridiana con i consiglieri del PDL. “Non vogliamo strumentalizzare l\'amarezza di questi cittadini – ha proseguito Marinelli - ma tutti dobbiamo riflettere sul fatto che per la prima volta questa parte della nostra Regione si lamenta non solo dei ritardi nelle infrastrutture ma soprattutto della perdita del modello marchigiano della loro industria, quella dei jeans, e della scuola professionale che non c\'è più. Spacca che è nato come me nell\'entroterra dovrebbe capire queste cose e invece con lui rischiamo secessioni a catena”.

Poi il candidato Marinelli non risparmia la battuta al ripristino dei due treni annunciato ieri. “Dopo che da anni i marchigiani si lamentano della perdita di corse e fermate tanto da dover rinunciare al treno, Spacca si è accorto in campagna elettorale di poter fare qualcosa per convincere Trenitalia. Finalmente abbiamo trovato un metodo per migliorare qualcosa: io denuncio le cose e Spacca corre al riparo. Tuttavia è un metodo che funziona solo fino al voto. Quindi, se non dovessi vincere io, auguro per il bene di tutti noi elezioni ogni due o tre mesi.”

Marinelli torna inoltre a parlare del “laboratorio d\'interessi PD- UDC” riferendosi alle parole pronunciate ieri da Spacca alla riunione del PD. “Vedete – ha detto Marinelli ai propri candidati – Spacca ha detto queste precise parole: “RC e PDC non hanno accettato lo sforzo di unire le forze di opposizione a Berlusconi e creare l\'alternativa per il 2013”. Capite in che conto tiene la Regione? Il loro è solo un esperimento nazionale di Bersani e Casini sulla pelle dei marchigiani. Dobbiamo spiegarlo agli elettori.” “Che il loro non sia un patto programmatico lo dicono sempre loro – continua Marinelli – quando definiscono il programma fortemente progressista e adatto alla sinistra e io lo confermo. Se continuano così dovrò ristampare altre magliette per gli amici dell\'UDC.” Infine il candidato presidente invita i suoi a osservare cosa succede ad Ancona e a Pesaro. “Se guardate alle campagne acquisti di IDV e PD capite che loro si comportano come se avessero già vinto ma fidatevi: credete alla vittoria perché gli scricchiolii della ex maggioranza sono tanti. La base, anche quella del PD, si è accorta del bluff. All\'inaugurazione della loro campagna, due terzi della sala erano quasi vuoti e non erano a Macerata o ad Ascoli, ma a Pesaro.

In conclusione Marinelli ha elencato i suoi appuntamenti per la settimana fra i quali c\'è la doppia tappa a Pesaro venerdì per la presentazione del libro dell\'On. Giancarlo Lehner sulla condizione dei russi da Stalin alla Perestrojka, alle ore 18.00 a Palazzo Gradari e per la cena con il Ministro Giorgia Meloni. Marinelli parlerà con il Ministro del triste caso di ieri avvenuto ad Arcevia dove uno studente di soli sedici anni ha rischiato di morire per overdose. “Quello che è ancora più grave - ha detto Marinelli - sono l\'età del ragazzo, il fatto che sia trattato di eroina e il tutto fra casa e lo scuolabus.”

   

dal Comitato elettorale Erminio Marinelli




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-02-2010 alle 17:03 sul giornale del 24 febbraio 2010 - 1043 letture

In questo articolo si parla di politica, erminio marinelli, Comitato elettorale


logoEV
logoEV