counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > ATTUALITA'
comunicato stampa

Utp: il governo sperpera denaro e non investe sul trasporto ferroviario

4' di lettura
915

trenitalia

\"Leggo sulla stampa locale lo scandaloso attacco alla Regione Marche, nelle persone del Presidente Spacca e dell\'Assessore Pietro Marcolini da parte della Provincia di Ascoli Piceno rappresentata dal vice Presidente Piunti e dall\'Assessore ai Trasporti Olivieri\".

Questi rappresentanti del popolo dimostrano palesemente di non conoscere quanto è successo prima dell\'entrata in vigore del nuovo orario il 13 dicembre 2009,altrimenti non parlerebbero in questa maniera,e quindi,per il futuro, sarebbe opportuno che prima di parlare correttamente si documentassero su quello che dicono. Con la presente la scrivente vorrebbe ribadire ai due Amministratori della Provincia di Ascoli che la Regione ed i suoi rappresentanti Spacca e Marcolini non sono in alcun modo responsabili di quanto è successo: ancora una volta Trenitalia ha presentato il nuovo orario solo qualche giorno prima dell\'entrata in vigore in modo che nessuno potesse impugnarlo e fare delle osservazioni.



I Signori Piunti e Olivieri probabilmente non sanno - e lo dimostrano palesemente - che fino a cinque anni addietro, o forse più,Trenitalia aveva la consuetudine di presentare alle associazioni degli Utenti e Consumatori i nuovo orari almeno 60 giorni prima dell\'entrata in vigore, ma, poi, questa forma di collaborazione è stata cancellata. Inoltre, con riferimento al Contratto di Servizio firmato dalla Regione,questo non ha il fine di interferire sui treni Eurostar e su quelli del cosiddetto servizio universale, ossia gli InterCity che sono di competenza e finanziamento statale ed appartengono alla Divisione Nazionale Passeggeri a media e lunga percorrenza di Trenitalia.



La scrivente, insieme alle altre Associazioni di Consumatori e Utenti di Ancona, è stata la prima ad inviare una nota di protesta in merito al Responsabile della Divisione del Trasporto Nazionale di Trenitalia, ma ormai era già tardi perchè mancava meno di una settimana al 13 dicembre 2009 e nulla si poteva più fare. Piuttosto c\'è da dire che anche per questi servizi potrebbe essere creata un\'apposita Divisione e un apposito fondo da alimentare con proventi diversi e sul quale la scrivente sta lavorando per proporlo agli organi competenti. Perchè, come ben si sa, tutti i servizi vanno pagati a Trenitalia. La Nuova Amministrazione Provinciale di Ascoli Piceno farebbe bene a tenere rapporti frequenti con la scrivente e le altre Associazioni, come faceva l\'ex Assessore Ubaldo Maroni che per il TPL nella Provincia di Ascoli ha fatto molto, così come l\'Assessore Marcolini in Regione. In merito alla collaborazione con le Associazioni di Utenti e Consumatori da parte degli Amministratori Piunti e Olivieri si vede già che non sono disposti a seguire la linea dell\'ex Assessore Maroni, perchè, prima di Natale il sottoscritto aveva cercato di contattare telefonicamente il vice-Presidente Piunti: era una mattina del mese di dicembre, prima di Natale,e la Segreteria mi rispose che il sig.Piunti avrei potuto trovarlo intorno alle ore 15 e mi invitava a richiamare.



Alle ore 15 chiamo e mi sento rispondere che il sig. Piunti ancora non era arrivato e mi si chiese un recapito telefonico perchè,a detta di una della signore che mi rispose, appena sarebbe arrivato mi avrebbe richiamato.Da allora sto ancora aspettando. Se questa è la serietà di un politico, lascio giudicare a chi legge. Pertanto La scivente invita sia il vice Presidente Piunti che l\'Assessore Olivieri a rivolgersi al Ministro Matteoli, che fra l\'altro, se non vado errato, appartiene al loro stesso partito, affinchè possa risolvere i problemi del traffico ferroviario marchigiano. E\' chiaro che se il Governo non stanzia fondi per i cosiddetti Servizi Universali - tanto per capirci i treni InterCity - tali servizi andranno sempre peggio perchè il Ministro Matteoli e questo Governo pensano a sperperare denaro pubblico per opere titaniche ed inutili come il Ponte sullo stretto di Messina o come i finanziamenti per comprare nuove auto ecologiche, anzichè pensare a sviluppare il Trasporto Ferroviario anche sull\'Asse Adriatico.



trenitalia

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 16-01-2010 alle 16:31 sul giornale del 18 gennaio 2010 - 915 letture