counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > POLITICA
comunicato stampa

Piano casa, Prc: deliberati due atti impropri nella forma e sbagliati nella sostanza

1' di lettura
1058

giuliano brandoni

\"Il Piano casa regionale è stato un impegno importante per il Consiglio regionale ed è frutto equilibrato dell\'ascolto della tante soggettività interessate a questo provvedimento. Per quanto ci riguarda il punto di vista di quanti hanno guardato alla necessità di salvaguardare il territorio, il paesaggio ed i beni comuni è il nostro\".

La Giunta regionale ha deliberato due atti, impropri nella forma e sbagliati nella sostanza in quanto autonomamente interpretano un atto legislativo, in gran parte inequivocabile, che non prevedeva e non dava potestà di intervento e di interpretazione all\'esecutivo regionale e soprattutto eliminano vincoli e permettono interventi che lo spirito della legge certamente non prevedeva quali la demolizione e ricostruzione con ampliamento degli edifici in zona agricola o altre deroghe quali quella a cui si invitano i Comuni per superare le norme statali in materia di urbanistica.



Tutto ciò ci fa portatori di un caloroso consiglio alla Giunta: quello di revocare questi atti. Intanto, per riportare in Consiglio regionale e quindi all\'attenzione dei cittadini marchigiani questa questione ho inteso presentare una interrogazione urgente per avere dalla Giunta chiarimenti sulle necessità che hanno motivato la produzione degli atti di cui sopra e che, tuttavia, possono, se del caso, essere rappresentate solo con un ulteriore, specifico atto di legge.



Siamo certi che questo corrisponde alla richiesta di quanti hanno accompagnato l\'iter legislativo del Piano casa, offrendo alle istituzioni l\'opinione degli ambientalisti e del territorio e quindi siamo convinti che anche loro troveranno quanto prima le forme ed i modi per sostenere questo nostra azione.



Scarica il pdf Interrogazione atto di indirizzo


giuliano brandoni

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 28-11-2009 alle 17:47 sul giornale del 30 novembre 2009 - 1058 letture