counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > ECONOMIA
comunicato stampa

Saldi di fine stagione, si parte il 2 gennaio

1' di lettura
888

saldi

Nelle Marche le vendite di fine stagione invernale inizieranno il 2 gennaio e termineranno il 1 marzo 2010, quelle estive si svolgeranno dal 7 luglio al 30 settembre 2010.

Lo ha stabilito la Giunta regionale che ha approvato i periodi e le modalità di attuazione di questa attività commerciale stagionale. Le imprese dovranno comunicare al Comune, almeno cinque giorni prima, la data di inizio e la durata.


“I periodi individuati – evidenzia l’assessore al Commercio, Vittoriano Solazzi – coincidono con quelli delle regioni limitrofe e risultano omogenei anche a livello nazionale. È la prima volta che accade. Il fatto va sottolineato, in quanto l’uniformità di provvedimenti assicura una corretta gestione del settore, specie nei bacini commerciali omogenei che non sempre coincidono con i confini amministrativi. Una regolamentazione uniforme è anche garanzia di una corretta concorrenza commerciale”. Il provvedimento scaturisce dell’intesa raggiunta in sede di Coordinamento tecnico interregionale al Commercio, presieduto dalle Marche, che ha ritenuto di condividere la richiesta delle associazioni nazionali di categoria di giungere a una omogeneità di data.


“Nei prossimi mesi - riferisce l’assessore Solazzi – il Coordinamento elaborerà una proposta di ‘data fissa e certa’ che sarà presentata alla approvazione della Conferenza dei Presidenti delle Regioni e Provincie autonome”. “La condivisione delle strategie e degli obiettivi – sottolinea Solazzi – consente di lavorare su un calendario unico a livello nazionale. La coincidenza delle date, con le regioni limitrofe, e la disponibilità a disciplinare il comparto delle vendite di fine stagione a livello nazionale, favorirà la crescita di tutto il settore commerciale, incentivata dall’assunzioni di decisioni concertate tra tutte le amministrazioni regionali”.



saldi

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-11-2009 alle 16:39 sul giornale del 24 novembre 2009 - 888 letture