counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > ATTUALITA'
comunicato stampa

Al via la festa dell\'albero promossa da Legambiente

7' di lettura
1498

legambiente

Più clorofilla meno effetto serra insieme verso Copenaghen. Da Urbino a San Benedetto del Tronto 15 iniziative organizzate in tutta la Regione con circa 700 studenti per mettere a dimora oltre 600 nuovi alberelli.

“Pennelliamo di verde gli angoli grigi delle nostre città e facciamoli respirare piantando giovani arbusti, semi e fiori colorati” è il motto con cui centinaia di volontari in tutta la Regione metteranno a dimora circa 600 nuovi alberelli. Fattorie biologiche, passeggiate negli orti botanici, scuole dell’infanzia e incontri in piazza sono solo alcune delle iniziative e delle tappe messe in piedi dai volontari di Legambiente che scenderanno in strada e nei parchi questo fine settimana per rendere più verdi le nostre città. E\' iniziata ieri, venerdì 20 novembre, a San Benedetto del Tronto la Festa dell\'albero, giunta alle quindicesima edizione e promossa in tutt\'Italia da Legambiente, il tradizionale appuntamento con la giornata dedicata al “rinverdimento” di alcune aree cittadine, che è al tempo stesso un modo efficace per puntare l\'attenzione sull\'azione anti-CO2 del patrimonio arboreo. Da oggi fino al 24 novembre prossimo saranno 15 le iniziative nella Regione, per garantire a nuovi alberi uno spazio nei nostri giardini.



Muniti di pale e vanghe sono già pronti circa 700 studenti marchigiani di tutte le età, che affiancati dai volontari dei circoli locali di Legambiente, si cimenteranno nell\'opera di “piantumazione collettiva” riflettendo sull\'importante ruolo di “polmone verde” degli alberi e sul loro contributo per ridurre le emissioni di CO2. Sul piano dei gas serra infatti, ad oltre quattro anni e mezzo dall\'entrata in vigore del protocollo di Kyoto, il nostro Paese è ancora in drammatico ritardo. “ Ogni bambino nasce come soggetto di diritti, secondo la Convenzione mondiale dell’ONU, e quello ad un ambiente pulito, sano e bello è sicuramente alla base della qualità della sua vita presente e futura. - Commenta Bruna Bernardina responsabile scuola e formazione di Legambiente Marche - Purtroppo chi lo ha preceduto non si è troppo preoccupato perché questo diritto avesse un serio fondamento.



Noi di Legambiente da 15 anni abbiamo ripreso l’abitudine a far piantare alberi perché un albero è sicurezza del territorio, è refrigerio, è ossigeno, è aria più pulita. Oggi dunque, – conclude la Bernardini - milioni di alberi verranno piantati dai tanti piccoli cittadini che, insieme ai loro insegnanti e ai volontari di Legambiente, credono in un mondo migliore e se ne assumono in prima persona la responsabilità”. Nelle scorse edizioni grazie all’impegno dei cittadini e alla collaborazione di ANVE - Associazione Nazionale Vivaisti Esportatori - abbiamo piantato 2, 5 milioni di alberi! Quest’anno vogliamo metterci lo stesso impegno per continuare ad accrescere il nostro contributo verde al protocollo di Kyoto, soprattutto in vista del vertice di Copenaghen che si terrà a dicembre, per salvare il Pianeta dall’effetto serra e dal surriscaldamento globale. Dopo l’avvio a San Benedetto del Tronto si continua sabato 21 novembre, a Urbino dove i volontari del circolo di Legambiente Le Cesane incontreranno i cittadini e le scuole per discutere dei cambiamenti climatici, delle energie rinnovabili e dell\'abbattimento della CO2.



Appuntamento alle ore 9,30 al Cea Casa delle Vigne di Urbino, con i volontari di Legambiente e il personale del CEA Lab-Ter di Pesaro, per partecipare al “Giorno del Baratto e del riutilizzo creativo dei rifiuti\" in piazza della Repubblica di Urbino il insieme ai ragazzi delle Scuole Primarie del territorio. Contemporaneamente gli alunni della scuola primaria di Piansevero, dalle ore 10,30 alle ore 12,30, si dedicheranno alla piantumazione di alberi con l’aiuto delle guardie forestali e animeranno la mattinata con letture, canti, recitazioni di poesie e una drammatizzazione. Si festeggerà contemporaneamente a Morciola di Colbordolo dalle ore 15, zona bocciodromo-campo sportivo parrocchiale, in collaborazione con il Comune, la Provincia e i volontari di Legambiente Pesaro. Si pianteranno numerosi alberi e verranno offerti dolci fatti dalle famiglie, bibite, castagne e vin brulè, noccioline e mandarini. Sarà possibile puntare su una lotteria gratuita ed educativa per tutti i presenti con gadget pubblicitari e dimostrativi, blok notes, penne, libri, prodotti inerenti al rispetto dell’ambiente. La Festa dell\'Albero prosegue sabato 21 novembre ad Ascoli Piceno con i volontari dell\'associazione ambientalista per un sabato speciale: volantini e brochure saranno distribuiti ai volontari che parteciperanno e contribuiranno a dipingere di verde la città con piantine ed alberelli che i ragazzi del cigno ci aiuteranno a piantumare. La Riviera delle Palme celebra l\'arbusto che le dà il nome con l\'iniziativa “All\'ombra di una palma!”.



A San Benedetto del Tronto (AP), sabato 21 novembre, i volontari del gruppo locale di Legambiente animeranno un insolito e divertente modo per parlare insieme di clima, rinnovabili e stili di vita compatibili accompagnando gli intervenuti in una divertente passeggiata nell\'orto botanico della città. Ancora pollici verdi attivi domenica 22 novembre a Civitanova Marche (Mc) con i volontari del circolo di Legambiente \"Sibilla Aleramano\" in collaborazione con l\'associazione Tuono Verde. Verranno messi a dimora oltre agli allori, tipici della Festa dell\'Albero, anche alcuni lecci, piante tipiche della zona. Lo scopo è sensibilizzare i cittadini al verde pubblico del parco di Villa Eugenia. A Polverigi (An), sempre domenica 22 novembre tutti in visita alla Fattoria biologica per poi mettere a dimora nuovi alberelli. Ti aspettiamo per sistemarle a terra e passare insieme una giornata dedicata alla natura e alla infinita bellezza degli ecosistemi che intendiamo consegnare in salute alle generazioni future. Per le altre iniziative visita il sito www.legambientemarche.org



UNA FESTA DI ORGINI ANTICHE


La festa dell\'Albero è un rituale antico che viene ricondotto alla tradizione greca e di alcune popolazioni orientali di celebrare feste in occasione della piantagione di alberi, poi percorsa anche dalle popolazioni celtiche e dai romani, con le loro usanze ed i loro culti. In epoca moderna si sentì per la prima volta la necessità di una “cerimonia boschiva” quando, in alcuni Stati del Nord America come conseguenza di disastrosi disboscamenti, larga parte del territorio fu colpita da spaventose inondazioni. Il significato della cerimonia, così come la intendiamo oggi, viene fatto risalire alla prima edizione italiana del 1898, istituita dallo statista Guido Baccelli con lo scopo di infondere nei giovani il rispetto e l\'amore per la natura e per la difesa degli alberi. Nel 1951 fu addirittura una circolare del Ministero dell\'Agricoltura e delle Foreste a stabilire che la \"Festa dell\'Albero\" si dovesse svolgere il 21 novembre di ogni anno, tanto che la celebrazione si è svolta con regolarità e con rilevanza nazionale fino al 1979, per essere poi successivamente delegata nell\'organizzazione alle Regioni. Pochi sanno poi, che la legge n. 113 del \'92 obbliga ogni Comune alla messa a dimora di un albero per ogni neonato a seguito della registrazione anagrafica.



Una Legge che però, per la cronica mancanza di fondi, non ha mai trovato un\'adeguata applicazione nel nostro Paese. La Festa dell\'Albero dunque risalirebbe a più di un secolo fa, ma ancora finalità attualissime e rappresenta spesso l\'unica occasione per molti studenti e cittadini di compiere un\'azione concreta per la difesa e l\'incremento del nostro patrimonio arboreo e boschivo.



PERCHE\' L\'ALLORO?


La scelta dell’alloro, laurus nobilis, è dovuta alle sue caratteristiche di pianta sempreverde e spontanea, gradevole e profumata, ben si adatta al microclima di ogni città italiana, può essere coltivata in vaso, sui balconi o a terra dove può raggiungere i 10 metri. Ricca di proprietà, è conosciuta e utilizzata in molti campi sin dall’antichità, è anche coltivata come pianta ornamentale, con le siepi spesso usate come divisori nei giardini.



legambiente

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-11-2009 alle 16:12 sul giornale del 21 novembre 2009 - 1498 letture