counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > ATTUALITA'
comunicato stampa

Per il Premio \'Le Voci della Pace\', ecco la presentazione del Libro \'Via Zamenhof\'

2' di lettura
800

Mercoledì ad Ancona e giovedì a Pesaro verà presentato il libro \"Via Zamenhof\" di Roman DobrzYnski, Editrice Giuntina, 2009 a cura della traduttrice Michela Lipari. L\'evento si sinserisce all\'interndo dellla rassegna-premio \"Zamenhof - Le Voci della Pace\"

L\'evento si svolgerà Mercoledì alle 18, nella Libreria Fogola in Piazza Cavour 4 ad Ancona e giovedì sempre alle 18 nella Sala della Provincia in Via Gramsci 6 a Pesaro.

IV di copertina Questo testo nasce dall’ idea di Roman Dobrzy ński, regista e scrittore polacco, di intervistare il prof. Louis Christophe Zaleski-Zamenhof, nipote di Ludwik Lejzer Zamenhof , creatore dell’esperanto (1859-1917). L’ incontro si rivelerá poi assai coinvolgente, sia per le vicende narrate, sia per la capacitá dell’intervistato di collocarle nel loro contesto storico e sociologico, riuscendo cosí ad offrirci un affresco originale di un periodo drammatico coinvolgente piú generazioni. L’intervista si tramutó cosí in una serie di incontri ripetuti negli anni e divenne un libro, ad oggi tradotto giá in dodici Paesi. Louis nacque a Varsavia nel 1925. Aveva 14 anni quando i nazisti occuparono la cittá e arrestarono gli appartenenti alla famiglia Zamenhof in quanto ebrei. Successivamente li eliminarono, o fucilandoli, o deportandoli nei campi di sterminio. Louis, rinchiuso nel ghetto, dopo aver rischiato piú volte la deportazione riuscí ad evadere assieme alla madre e in seguito partecipó alla resistenza.

Non meno interessante la sua carriera professionale: laureatosi in ingegneria, divenne uno dei massimi esperti mondiali di costruzioni in cemento precompresso. Molte sono le pagine dedicate alla storia e all’evoluzione dell’esperanto nonché alla vita dell’ illustre nonno, di cui nella prefazione Davide Astori ricorda le celebri parole: „Se non fossi un ebreo del ghetto, l’idea di unire l’umanitá non mi avrebbe sfiorato, o almeno non mi avrebbe cosí costantemente ossessionato durante tutta la mia vita. Nessuno puó risentire, quanto un ebreo del ghetto, della maledizione della divisione fra gli uomini\".

PREMIO \"zAMENHOF - LE VOCI DELLA PACE\" PREMIO \"UMBERTO STOPPOLONI - LE INTEGRAZIONI IMPOSSIBILI\" Venerdì 20 novembre, ore 21 Teatro Sperimentale \"Lirio ARena\", ANCONA Ingresso libero Concerto quartetto con pianoforte in collaborazione con la Società Amici della musica \"Guido Michelli\"


Questo è un comunicato stampa pubblicato il 17-11-2009 alle 11:48 sul giornale del 18 novembre 2009 - 800 letture