counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > ECONOMIA
comunicato stampa

Accesso al credito per le imprese, dalla Regione 3.5 milioni di euro

3' di lettura
1559

soldi

Pubblicato il bando per i contributi regionali su interventi di ricerca, trasferimento tecnologico e innovazione. Si tratta della legge 598, che garantisce contributi in conto interessi su finanziamenti accesi con il sistema bancario per la realizzazione di investimenti da parte di piccole e medie imprese.

Le domande potranno essere presentate a partire dal 14 dicembre prossimo (mediante invio telematico al www.incentivi.mcc.it/marche ) e sono rilevanti le novità rispetto al passato. Ne parla l’assessore alle Attività produttive, Fabio Badiali .


“Per facilitare gli investimenti - sottolinea - in innovazione tecnologica, organizzativa, commerciale, per la tutela ambientale e la sicurezza dei lavoratori investiamo 5,35 milioni di euro. Risorse che verranno di qui a poco ulteriormente incrementate, non appena Roma metterà a disposizione le risorse che ci spettano nell’ambito del fondo unico per le imprese. Negli ultimi anni si è riscontrata una crescita sostenuta delle domande di adesione delle imprese a misure di questo tipo. Adesso adeguiamo le specifiche tecniche in base alle nuove esigenze maturate in seguito alla crisi. In particolare abbiamo aumentato l’abbattimento del tasso d’interesse sui finanziamenti, portandolo dal 50 al 70 per cento, inoltre abbiamo previsto la possibilità di agevolare l’acquisto di stabilimenti in crisi”.


L’Assessore si riferisce in questo caso, all\'acquisizione degli attivi patrimoniali direttamente connessi a uno stabilimento chiuso o che sarebbe stato chiuso se non fosse stato acquisito. Possibile anche l’operazione in caso di successione commerciale di una piccola impresa a favore della famiglia del proprietario o di ex dipendenti. Sono ammissibili operazioni fino 1,5 milioni di euro e nel caso di acquisizione di stabilimenti in crisi, fino a 5 milioni di euro. Accanto alle agevolazioni per l’innovazione, quelle per l’acquisto di impianti e macchinari (in questo caso ammesse anche imprese agricole e di meccanizzazione agricola). Dal 9 novembre scorso è possibile, infatti, presentare domanda a valere sulla legge “Sabatini”, che prevede incentivi in conto interessi per questo tipo d’investimenti ( invio telematico delle istanze al www.incentivi.mcc.it/marche ). Consistenti le risorse a disposizione pari a 5 milioni di euro, anche in questo caso incrementabili a breve, in sede di riparto del fondo unico per le imprese. Infine le agevolazioni Artigiancassa (legge 949), dedicate alle imprese artigiane.


L\'agevolazione consiste in un contributo in conto interessi che riduce il tasso dei finanziamenti (tra i 10.329,14 euro e i 123.959,66) erogati dal sistema bancario e che può contare su 5 milioni di euro di budget. Complessivamente sono quindi pari a 15 milioni e 350mila euro le risorse per promuovere l’accesso al credito delle piccole e medie imprese marchigiane, per sostenere chi investe durante l’attuale congiuntura negativa. Risorse che verranno a breve aumentate, grazie al riparto del fondo unico per le imprese. Il 30 novembre prossimo queste ed altre misure saranno al centro di un convegno in Regione.



soldi

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 13-11-2009 alle 15:18 sul giornale del 14 novembre 2009 - 1559 letture