counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > POLITICA
comunicato stampa

Crisi Merloni, Spacca: \'Mantenere i benefici della Marzano\'

2' di lettura
753

“E’ innanzitutto indispensabile mantenere i benefici della Marzano a protezione dei lavoratori. Questo non avviene solo con la vendita degli assets del gruppo A. Merloni a possibili acquirenti ma anche attraverso progetti industriali finalizzati a una ripresa, seppur parziale, delle attività del core business dell’A. Merloni: questa è una formale responsabilità dei Commissari che sono stati nominati dal Ministero dello Sviluppo Economico”.

Così il presidente Spacca ha sintetizzato gli esiti condivisi della riunione del gruppo di lavoro che si è svolta oggi a Fabriano. Mantenere operative le procedure della Legge Marzano, indispensabili per garantire un futuro alla Antonio Merloni attraverso la ristrutturazione. È quanto ha chiesto il gruppo di lavoro sulle aree di crisi, riunito oggi a Fabriano per sollecitare la definizione di un accordo di programma in grado di accompagnare la ristrutturazione del gruppo.


Al tavolo, presieduto dal presidente Spacca, hanno partecipato i rappresentanti delle Regioni Marche, Umbria, Emilia Romagna, i segretari confederali regionali di CGIL CISL UIL UGL, associazioni di categoria (Confindustria, Confapi, Confartigianato, Cna, Confcommercio, Confesercenti). Presenti l’assessore al Lavoro della Regione Marche, Fabio Badiali, e l’assessore regionale alle Politiche industriali dell’Umbria, Mario Giovannetti. Spacca ha ribadito la necessità di poter continuare a utilizzare la Marzano, per tutelare i lavoratori, la coesione sociale dei territori interessati e per favorire la necessaria riorganizzazione aziendale. Contestualmente, è necessario – come espresso recentemente al ministro Scajola – procedere subito alla stesura dell’accordo di programma (chiesto dalla Regione Marche sin dal mese di settembre dello scorso anno) che risulta essenziale per incentivare la definizione di nuove proposte industriali in grado di sostenere la crescita dei territori con nuove opportunità occupazionali. Ai commissari straordinari, le istituzioni e le categorie hanno ribadito il proprio sostegno per favorire soluzioni condivise.


Spacca, con la condivisione di tutti i partecipanti, ha anticipato un nuovo incontro al ministero dello Sviluppo Economico, già programmato per mercoledì 18 novembre. Al ministro verrà inviata anche una lettera per sollecitare una rapida ripartizione dei fondi CIPE (300 milioni), già stanziati il 26 giugno scorso, per emanare i relativi atti formali attuativi delle disposizioni della legge 99/2009 e per conoscere, in via formale, i piani industriali al fine di comprendere e meglio orientare la definizione dell’accordo di programma.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 12-11-2009 alle 16:37 sul giornale del 13 novembre 2009 - 753 letture