counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > CRONACA
articolo

Nuova influenza: nelle Marche gli adolescenti i più colpiti

2' di lettura
3467

La situazione nelle Marche è sotto controllo, il comitato pandemico regionale sta gestendo al meglio la situazione

"Come giunta regionale - rassicura Alemerino Mezzolani, assessore regionale alla salute - abbiamo stanziato 5 milioni di euro per la cura alla pandemia. Se nella nostra regione non c'è una corsa al pronto soccorso e neanche un forte stato di psicosi, lo dobbiamo alla buona gestione delle strutture e alla corretta informazione".

Interviene al riguardo anche Carmine Ruta, dirigente Servizio Salute, che afferma: "Il tasso di incidenza è dell'11,8 ‰, in linea con quello delle altre regioni. La fascia tra 0 e 4 anni è stata colpita con una percentuale del 26 ‰, quella tra i 5 e i 14 anni, la più colpita, con il 29 ‰. Tra i 15 e i 64 anni, il tasso di incidenza è del 4,26 ‰. La meno colpita è la fascia degli over 65 con un 1 ‰".

"Sarà attivo da domani/dopodomani - tranquillizza Giuliano Tagliavento, dirigente Sanità Pubblica - un call center pediatrico, che avrà lo stesso numero di quello regionale, ovvero 800.186.006, ma che devierà le chiamate ad un medico della clinica pediatrica. Oltre al call center, per chiarimenti, invitiamo a visitare il sito internet www.salute.marche.it dove è presente una sezione costantemente aggiornata sull'andamento pandemico e una sezione con date, orari e sedi dove è possibile la vaccinazione".

I casi di contagio registrati nelle Marche sono del 12 ‰, ma il picco è previsto tra una settimana, massimo dieci giorni, con un incidenza del 35 ‰. Dopodiché è prevista una diminuzione. I ricoverati nelle sedi ospedaliere marchigiane sono 10, tra cui 9 nel reparto di malattie infettive ed uno soltanto, un immigrato di nazionalità bengalese, in terapia intensiva. La probabilità di contagio nelle scuole si aggira intorno al 20/25%.
I vaccini messi a disposizione per la regione Marche sono 90.000. Per il momento si sta vaccinando il personale medico-sanitario, con una percentuale del 5%, donne in cinta e bambini a rischio.





Questo è un articolo pubblicato il 11-11-2009 alle 11:48 sul giornale del 12 novembre 2009 - 3467 letture