counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > ATTUALITA'
comunicato stampa

L.A.M.: sulle spalle dei bisognosi, Brini (Pdl) in pole position

2' di lettura
856

marche

La crisi dilaga e dilania le Marche che risultano essere la 2° Regione piu’ colpita d’Italia.

Quotidianamente, sotto gli occhi di tutti, piccole, medie ma anche grandi imprese falliscono, sono costrette a chiudere o a ridurre il personale, il lavoro viene meno, la disoccupazione cresce e i consumi calano poichè le famiglie che già da diversi anni faticavano ad arrivare a fine mese, oggi sono letteralmente in ginocchio. Famiglie che non riescono piu’ a soddisfare bisogni primari come la fame, che non riescono piu’ a garantire ai propri figli gli elementari diritti come lo studio, che arrivano anche a compiere gesti estremi perché non sanno piu’ come “tirare avanti”. La L.A.M. (Lega Autonomie Municipali) consapevole di questo grave contesto che attanaglia il territorio e nell’esprimere la sua solidarietà e la sua vicinanza a tutte le famiglie e a tutti i soggetti che si trovano loro malgrado in queste difficili situazioni, reputa doveroso non soprassedere sulla presenza di individui che senza alcuna remora, tentano di speculare pure su queste condizioni.


Individui dal comportamento deplorevole ancor piu’, se si considera che alcuni degli stessi fanno parte della cosiddetta “classe politica”. Ed è fra questi purtroppo che si constata amaramente la presenza del Consigliere e Coordinatore Regionale del PDL Ottavio Brini, il quale pur di stare al centro dell’attenzione e nella speranza magari di accaparrare qualche consenso in piu’ in vista della dura competizione da sostenere “in casa”, alle prossime elezioni regionali del 2010, non risparmia nemmeno gli indigenti. Brini, dopo aver presentato infatti un’interrogazione al consiglio regionale sui sussidi straordinari a fondo perduto erogati dalla Comunità Montana di Camerino a famiglie bisognose ed imprese in difficoltà, e ricevuto risposte esaurienti dall’Assessore competente Benatti, in possesso del rapporto dettagliato fornitole in merito dal segretario dell’ente; probabilmente contrariato dalla mancata coincidenza delle stesse con le sue aspettative o semplicemente per calcare qualche pagina in piu’ dei giornali, chiede, mettendo in dubbio con notevole protervia la competenza, la capacità e l’onestà del personale di un organo comunitario statale, di quello regionale, nonché implicitamente quello dell’autorità giudiziaria e contabile che sul caso sta portando avanti un’indagine, un’ispezione della Regione per stare “piu’ tranquillo”.


La L.A.M. (Lega Autonomie Municipali) lascia ad ognuno le riflessioni del caso ed invita tutti i cittadini a tenere alta l’attenzione contro questo intollerabile imbarbarimento della politica. Info: http://autonomiemunicipali.org



marche

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-10-2009 alle 16:02 sul giornale del 30 ottobre 2009 - 856 letture