Ancona ospita il decennale del Forum delle Città dell\'Adriatico e dello Ionio

3' di lettura 26/10/2009 - Al Palazzo degli Anziani di Ancona, per l\'occasione riaperto dopo i lavori di recupero, si terrà il 30 e 31 Ottobre la XI sessione plenaria del Forum delle Città dell\'Adriatico e dello Ionio. Fiorello Gramillano: \"Il Forum ritorna \'a casa\'. Sarà un momento importante per la nostra Amministrazione. Si va verso una nuova Carta del Forum\"

Nella sala della Giunta di Palazzo del Popolo è stata presentata la XI sessione plenaria del Forum delle Città dell\'Adriatico e dello Ionio, che si terrà al rinnovato Palazzo degli Anziani di Ancona il 30 e 31 Ottobre prossimi.


Un momento storico, a dieci anni dalla prima edizione del 1999, anche quella ospitata dal capoluogo marchigiano.

Spiega Emilio D\'Alessio, dal 2007 segretario generale del Forum: \"Questo Forum nacque quando ancora in Kosovo si sparava, e fu la prima rete a nascere a livello adriatico. Era il 1999 e da allora il Comune di Ancona ne ospita il Segretariato permanente. La rete nata attraverso questo strumento è un esempio di cooperazione e anche di funzionamento virtuoso, dato che si mantiene in larga parte con risorse autonomamente reperite dalle città dei vari Stati che si affacciano nel bacino. In questi anni un grande sviluppo economico è stato raggiunto, e la Carta che fu il risultato del lavoro di anni fa ora può essere modificata, se non nei principi alla base dell\'idea del Forum, almeno negli obiettivi da perseguire in questo rinnovato contesto: penso all\'esigenza di governare tale enorme sviluppo nell\'Est Europa in modo armonico, per evitarne i potenziali effetti devastanti a livello non solo ambientale, ma anche sociale\".


Il Sindaco di Ancona Fiorello Gramillano registra il ruolo che la città potrà assumere in questa vetrina internazionale: \"Sarà un momento importante per l\'Amministrazione e la città tutta, che invito a vivere con partecipazione l\'occasione. Inoltre aggiungo che questo sarà il momento per mostrare il nuovo Palazzo degli Anziani dopo i lavori di recupero: riprenderà vita e vorrei che riprendesse vita tutta quella zona del centro storico. Penso all\'Istituto Buon Pastore, di cui meditiamo la riqualificazione in termini di ospitalità possibili per i giovani. Insomma il Forum come momento di grande importanza, che condurrà presumibilmente a una nuova Carta con contenuti rinnovati, partendo dagli obiettivi che abbiamo perseguito tutti insieme e che sono stati in gran parte raggiunti. Il mio ringraziamento va all\'intuizione di Bruno Bravetti\".


Quest\'ultimo, segretario ad Honorem del Forum, aggiunge: \"Abbiamo avuto nella Storia occasioni di dividerci, guerre, ma l\'Adriatico non è mai stato frontiera. Disponiamo di un patrimonio storico e culturale unitario con pochi uguali nel mondo. Oggi questo bacino che fa parte del Mediterraneo è una porta verso il mondo che cambia: persino durante la Guerra Fredda i Comuni si parlavano, se ricordiamo il gemellaggio nato nel 1970 tra Ancona e Spalato. Ci tengo a sottolineare come l\'UE, quando si tratta di utilizzare risorse e fondi, privilegi le reti, come è il nostro Forum delle Città dell\'Adriatico e dello Ionio\".


L\'Assessore alle Relazioni Internazionali Michele Brisighelli conclude sulla rilevanza dell\'evento: \"Certo, esistono delle questioni quotidiane contingenti che sono sotto gli occhi di tutti, ma vorrei che non si disperdesse il senso di iniziative come questa, che pongono obiettivi politici primari, per questioni di altissimo valore. Sono due le ragioni per cui abbiamo risposto con entusiasmo all\'invito di Emilio D\'Alessio: la riaffermazione della centralità di Ancona nel bacino dell\'Adriatico e dello Ionio, e la volontà di essere protagonisti delle dinamiche internazionali che direttamente ne scaturiscono. Desidero infine ringraziare la Giunta e gli Assessori tutti per il lavoro solidale svolto affinchè la sessione plenaria del prossimo fine settimana possa aver luogo ad Ancona\".








Questo è un articolo pubblicato il 26-10-2009 alle 14:10 sul giornale del 27 ottobre 2009 - 673 letture

In questo articolo si parla di attualità, comune di ancona, adriatico, michele brisighelli, fiorello gramillano, bruno bravetti, stefano novelli, Emilio D�Alessio





logoEV