Camerino: cooperazione nell’e-government, accordo Unicam-Regione

2' di lettura 21/10/2009 - E’ stato presentato, nel corso del 1° Forum Regionale sull’Interoperabilità e la Cooperazione Applicativa che si è svolto a Camerino nei giorni scorsi nell’Aula Arangio Ruiz di Palazzo Ducale, un accordo tra la Regione Marche e il Dipartimento di Matematica e Informatica Unicam volto alla progettazione e allo sviluppo di attività di cooperazione applicativa nell’e-government.

L’Università di Camerino e in particolare il gruppo di ricerca “UeG – Unicam e-Government Research Group”, che nasce come attività di ricerca dei corsi di laurea in Informatica a supporto del processo d’innovazione della Pubblica Amministrazione e delle attività connesse al sistema governativo, ha preso parte e collabora fattivamente allo sviluppo di numerosi progetti di ricerca di e-government.

La Regione Marche, dal suo canto, sta partecipando al progetto interregionale “Icar Plus” le cui finalità generali consistono nel rafforzamento della cultura della cooperazione applicativa e dell’interoperabilità tra sistemi informativi, accompagnandone il cambiamento organizzativo e gestionale conseguente, nella convinzione che tali passaggi siano essenziali per l’erogazione di sempre più efficienti servizi ai cittadini e alle imprese.

Fra i due enti c’è una forte convergenza di obiettivi sui temi dell’e-government, dell’interoperabilità evoluta e della cooperazione applicativa in considerazione dei continui ostacoli, organizzativi e infrastrutturali, da superare per la realizzazione del decentramento amministrativo e della semplificazione, che sta sempre più coinvolgendo le pubbliche amministrazioni locali della Regione Marche.

La collaborazione ad un progetto condiviso da Università di Camerino e Regione Marche produrrà risultati scientificamente rilevanti sia per l’Ateneo camerte, che misurerà l’impatto dell’applicazione di un modello di cooperazione applicativa su un’amministrazione organizzativamente complessa quale quella della PA marchigiana che per la Regione Marche, che avrà la possibilità di applicare il modello ICAR in tutto il territorio regionale realizzando così un sistema unitario di cooperazione.

“Siamo particolarmente soddisfatti – ha dichiarato il Prof. Flavio Corradini, Direttore del Dipartimento di Matematica e Informatica e Referente del Rettore per il Trasferimento di conoscenze, competenze e tecnologie – per l’accordo che abbiamo siglato con la Regione Marche, un’intesa che favorisce una più ampia collaborazione tra l’Ateneo di Camerino e la Regione in temi così importanti per la nostra società quali l’e-gov, nell\'ottica di una sempre maggiore semplificazione dei servizi offerti al cittadino. Le applicazioni che deriveranno dall’accordo – prosegue il Prof. Corradini – porranno le fondamenta per la creazione di un linguaggio comune che agevoli le attività e la comunicazione fra gli enti pubblici”.







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 21-10-2009 alle 13:42 sul giornale del 22 ottobre 2009 - 894 letture

In questo articolo si parla di attualità, università di camerino, camerino, Unicam