counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > ATTUALITA'
comunicato stampa

Una serie televisiva prodotta nelle Marche, Megalomane

6' di lettura
2531

Come non ricordare “Megaloman”? Il personaggio dalla lunga chioma bianca, che distrugge i mostri con la Fiamma di Megalopoli? L’eroe, un ragazzo in tutina che si trasformava in un gigante grazie all’aiuto di alcuni braccialetti, era il protagonista di una delle serie giapponesi trasmesse in tv negli anni ’80.

Ispirato a questo fortunato programma, Megalomane, firmato da Massimo Barbini -in arte Niba - e Andrea Verardi - in arte Dop - racconta in versione comico-surreale le avventure del nostro supereroe, stravolte e arricchite con gag e mosse di karate improbabili. Il supereroe megalomane sarà interpretato da Niba, protagonista per due stagioni di Zelig, dopo una prima apparizione a Zelig Off, e reduce dalle recenti apparizioni al Fiorello Show su SKY UNO, dove è apparso con un blob di tutte le voci di Fiorello su Viva Radio 2, e dalla serata condotto da Carlo Conti lo scorso Agosto e trasmessa in prima serata su RAI UNO e RAI International, Premio Internazionale del Cinema "Rodolfo Valentino": "Premio alla Carriera" a Sharon Stone, Hellen Mirren e Alan Arkin. E proprio Niba, il nostro Megalomane, darà il volto a tutti i personaggi presenti nella scena, sempre in preda alla sua voglia di apparire e quindi alla sua megalomania.

Altra caratteristica fondamentale del super eroe è la vanità; non importa che stia combattendo per difendere l’umanità o che sia in procinto di sconfiggere un terribile mostro, ogni momento è buono per estrarre il suo inseparabile specchio e sistemarsi trucco e acconciatura, solo quando sarà certo di avere un aspetto impeccabile il nostro supereroe potrà continuare a salvare il pianeta. Il progetto, ideato, scritto e prodotto da Niba e Dop, prevede la realizzazione di tutte le puntate nel territorio marchigiano in location esterne, centri storici, zone industriali e zone di campagna, adatte alle scene di combattimenti, mentre gli interni verranno ricostruiti in teatro. Inoltre, trattandosi di un riadattamento di una serie televisiva giapponese in versione italiana comico-surreale, si fonderanno logiche orientali con quelle occidentali: il tradizionale tavolo basso giapponese imbandito con ciauscolo, olive all'ascolana, tartufo di Norcia, porchetta, Verdicchio, Rosso Conero, lacrima di Morro d'Alba, dolci tipici, amari, grappe e distillati, caffè, insomma tutti prodotti tipici marchigiani. Il progetto, che ha visto fino ad ora la realizzazione di un teaser e di una puntata pilota, si propone l’obiettivo di creare un serial destinato ai canali tv terrestri e satellitari, mantenendo ad Ancona la sede di produzione e stimolando sponsor locali interessati ad inserire i propri prodotti in questo fantasioso e surreale racconto del nostro territorio.

Le scenografie delle battaglie tra il mostro gigante e Megalomane sono state interamente realizzate all’interno della Green Bubble (vedi documento allegato) nello spazio green screen, dove sono state costruite città e zone industriali in miniatura, rifacendosi a location esistenti nella zona. Coinvolti nell’impresa grandi professionisti del settore (maggiori informazioni nel documento allegato) come il regista Matteo Corbi, vera eccellenza nel panorama nazionale ed internazionale dei visual effects: fondatore e vfx supervisor di Fast Forward, azienda leader nel settore della post produzione del video editing, 3D compositing e nella produzione di effetti speciali. Ha lavorato con Sky Italia, Paramount, La 7 e nel 2006 ha vinto al Promax / BDA Europe di Vienna un oro e due argenti nelle categorie “Best mixed media animation”, “Best use of humour in promotion” e “Best drama promo” con i progetti “Merry X-max 06” e “Film Attraction”, produzioni firmate entrambe SKY Cinema. Anche sul fronte musicale sono presenti grandi protagonisti come i Montefiori Cocktail, autori di fortunate sigle di programmi televisivi, Affari tuoi RAI 1, Quelli che il calcio RAI 2 (2003) e di brani per il cinema, L’ultimo bacio di Muccino, Sex and the city, Natale a New York. Per Megalomane il duo ha realizzato la sigla di testa e di coda, oltre ad altri brani della colonna sonora. Megalomane però non si limita solo ad una diffusione video ma pensa anche al target degli appassionati del fumetto, a cui sarà rivolta una serie con le vicende del nostro supereroe, firmata da Giancarlo Alessandrini (Martin Mystere) e da altri fumettisti. Il progetto sarà presentato in una serata-conferenza stampa, la data è in corso di definizione, che prevede la proiezione del teaser “Megalomane” e anche alcune MEGALOMANI sorprese preparate dalle due menti fervide di Niba e Dop.

storia & concept Sulla stella Rosetta una tragedia si compie. Svegliandosi di cattivo umore, Capitan Nibelitto (capo dei “Guerrieri 3mano “Brrr!” della tribù dal Sangue Nuar) a capo di un'orda di orribili e sanguinari mostri, decide di prendere il potere uccidendo il capo della tribù dei Nibana, che per anni aveva preservato la pace fra i popoli in veste di re (per la location della battaglia in questione è stata scelta la spiaggia di Portorecanati). Dopo la morte di quest'ultimo, solo la moglie Nibemary e il figlio Nibashi riescono a sfuggire all'eccidio imbarcandosi su un'astronave di fortuna e arrivando sul pianeta Terra. Qui i nostri profughi cercano di rifarsi una vita normale adattandosi alle usanze del nuovo pianeta. La vita sembra scorrere tranquilla sino a quando un giorno Capitan Nibelitto decide di attaccare la Terra, più precisamente l’ Italia, in particolare le Marche, nello specifico Ancona, nel dettaglio il Parco del Conero. Per contrastare l'orda dei mostri inviati sulla terra da Capitan Nibelitto, Nibemary consegna al figlio dei bracciali con i quali Nibashi acquisterà dei poteri straordinari e diventerà il gigantesco MEGALOMANE per combattere il male a difesa delle Marche.

note di regia L’uso della citazione presente nel film è essenziale per catturare l’immaginario del pubblico e rendere più divertenti e colorate alcune inquadrature. Il browser di queste citazioni ha un margine infinito: dalle animazioni ai manga giapponesi, alle produzioni di film seriali americani e di tutto il mondo, con citazioni legate fortemente ai generi. Per la scena del duello tra Megalomane e il mostro sono state utilizzate inquadrature alla Sergio Leone, in una scena di suspense è stata inserita una citazione musicale tratta da “007 James Bond”, e ancora riferimenti a fumetti giapponesi e americani, e materiale tratto dalla tv degli anni ‘70. Anche la grafica risulta fortemente influenzata dal tratto anni ‘70 e dall’animazione dei cartoons. La sonorizzazione all’interno delle immagini è fondamentale e ricca di dettagli, si va dai rumori tradizionali, rielaborati e rinnovati dall’effettistica, al sonoro “rubato” ad altre serie TV oppure a film di genere e di culto. Pur rivolgendosi direttamente alle generazioni di trentenni di oggi, grazie al radicato immaginario corrispondente al taglio e alle numerose citazioni, il target cui si indirizza il prodotto è molto vario e va dai giovani ai meno giovani.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-10-2009 alle 19:38 sul giornale del 07 ottobre 2009 - 2531 letture