counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > POLITICA
comunicato stampa

Regione e Cupla firmano il protocollo per le politiche sociali

4' di lettura
760

E’ stato sottoscritto questa mattina tra la Regione e il Cupla Marche(Coordinamento Unitario dei pensionati del lavoro autonomo, che rappresenta le associazioni regionali di CNA, Confartigianato, Casartigiani, Coldiretti, CIA, Confagricoltura, Confcommercio, Confesercenti) il Protocollo regionale sulla attuazione degli indirizzi programmatici nel settore delle politiche sociali e socio-sanitarie.

“Coesione, sicurezza sociale e longevità attiva - ha sottolineato il presidente della Regione, Gian Mario Spacca – sono impegni essenziali del programma di governo che trovano piena attuazione con i progetti del Piano sociale e di quello sanitario. Tali priorità oggi vengono ulteriormente rafforzate da questo protocollo sottoscritto anche con le organizzazioni del lavoro autonomo, in modo particolare per la tutela dei diritti fondamentali dei nostri anziani. Investiamo anche sulla longevità attiva, perché l’anziano è una ricorsa della comunità. In queste direzioni va il Protocollo, così come il progetto di Agenzia-rete nazionale per la terza età, punto di riferimento per quanto riguarda la ricerca e la cura per le patologie e la qualità della vita della terza e quarta età”.


“Come coordinatore del CUPLA Marche - afferma Riccardo Ruggeri - sottolineo l’importanza di questo accordo che offre una opportunità significativa di collaborazione tra la Regione e le 8 organizzazioni regionali del ceto medio produttivo. Partiamo da qui per un confronto che sarà continuo su tutte le questioni che riguardano le politiche regionali socio-sanitare, con particolare riferimento agli anziani ed ai progetti per la non autosufficienza”. “In particolare – ha dichiarato l’assessore alla sanità Almerino Mezzolani - la Regione sta lavorando da tempo, in virtù del fatto che le Marche hanno il primato della speranza di vita, alla costruzione di un sistema di welfare moderno ed avanzato per i nostri anziani. Vogliamo potenziare una rete diffusa nel territorio di sostegno e protezione delle famiglie e per questo abbiamo bisogno anche della collaborazione delle associazioni, degli enti, delle forze sociali e dei sindacati di categoria”.


SCHEDA SUL PROTOCOLLO D’INTESA Quattro gli articoli del documento. Nel primo la Regione e i Cupla in base alle loro competenze si impegnano al rafforzamento istituzionale dell’ambito territoriale sociale aggregazione intercomunale capace di rendere effettive le decisioni del Comitato dei sindaci e di promuovere forme integrate di gestione dei servizi alla persona. Nel secondo articolo la Regione si impegna a ridefinire il quadro complessivo del rapporto tra istituzioni pubbliche e non profit con criteri inerenti la sussidiarietà. Il Cupla si impegna ad azioni coerenti nei confronti delle stazioni appaltanti e del sistema delle imprese. Il confronto tra le parti viene allargato al tavolo con le centrali cooperative già attivo presso la Regione Marche. Il terzo articolo riguarda la garanzia di un accesso equo alla rete dei servizi da parte di tutti i cittadini marchigiani attraverso specifici atti di indirizzo emanati dalla regione e sostenuti dal Cupla. L’ultima questione, nel quarto articolo, riguarda le politiche per anziani non autosufficienti per le quali la Regione ha istituito un’apposita cabina di regia deputata alla ridefinizione delle regole e alla individuazione di un processo tecnico e finanziario di riqualificazione dell’offerta dei servizi. A tale proposito le Regione Marche si impegna a riportare al confronto con le organizzazioni sindacali firmatarie dell’accordo la documentazione prodotta dal gruppo di progetto sulla non autosufficienza della cabina di regia per l’integrazione socio-sanitaria. In relazione ai contenuti del decreto di riparto del fondo nazionale per la non autosufficienza si confermano infine i criteri individuati dallo stesso nel senso di risorse aggiuntive per il sistema dei servizi in favore della non autosufficienza. La Regione ha istituito il Fondo regionale per la non autosufficienza prevedendo risorse, anche di fonte europea, per l’estensione dei livelli assistenziali nelle residenze protette, per l’assistenza domiciliare, per la riqualificazione delle strutture residenziali per anziani : Viene anche avviato un tavolo negoziale con le parti relativo alla redazione di appositi piani di intervento. Si avvia inoltre un confronto permanente tra i sottoscrittori, che sarà garantito anche a livello territoriale (ambiti sociali, Comitati dei Sindaci, Comuni, Province) al fine di consentire una verifica costante sugli stati di avanzamento e di applicazione dell’accordo stesso e Analoga procedura verrà applicata anche per l’attuazione del Piano sociale 2008/2010 con cadenza semestrale.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 31-07-2009 alle 12:48 sul giornale del 31 luglio 2009 - 760 letture