counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > ATTUALITA'
articolo

Il 25 Agosto parte il ‘Viaggio più pazzo del mondo’

2' di lettura
777

Un gruppo di 12 ragazzi con problemi psichici attraverseranno le Marche a piedi e servendosi del trasporto pubblico

L\'iniziativa è stata ideata dall\'Associazione Passepartout di Fano che si occupa dell\'integrazione sociale di ragazzi affetti da malattie mentali. Andrea Pellegrini, rappresentante di Passepartout spiega: \"Questo è un progetto sperimentale che spera sia ripreso anche da altre associazioni che curano malattie mentali. Camminare nella natura con i \'normali\' escursionisti è un\'esperienza che fa bene a noi ma soprattutto a questi giovani affetti da questi particolari disturbi che li portano spesso ad isolarsi. Siamo sempre attenti a garantire ai ragazzi ogni supporto infermieristico e psicologico - inoltre aggiunge - siamo convinti che parlare di strutture chiuse, come sempre più spesso si sta facendo ultimamente, è sicuramente fare un passo indietro. La malattia mentale al contrario ha bisogno di spazi sconfinati. In questo senso il \'camminare\', e il viaggiare in generale, è una \'terapia\' nuova ed utile che si affianca a quella tradizionale con esiti sempre molto positivi\".

Il gruppo che intraprenderà questo viaggio di 5 giorni sarà formato da circa 15-20 persone tra cui 12 ragazzi affetti da disturbi. Lungo l\'itinerario, nei pressi di Macerata e Fabriano, il gruppo verrà integrato da giovani di altre associazioni.
Questo il percorso che verrà effettuato:
25 agosto: Fano - Pergola
26 agosto: Pergola - Genga - Fabriano

27 agosto: Fabriano - Camerino - Amandola

28 agosto: Amandola - Montegallo - Arquata del Tronto

29 agosto: Arquata - Ascoli - Fano
I ragazzi saranno muniti di pass riconoscibili per l\'utilizzo dei mezzi di trasporto pubblici, anche se molte parti del percorso saranno svolte a piedi.

\"Questa è un\'iniziativa meritoria che sosteniamo con convinzione per la sua valenza sociale - interviene l\'Assessore regionale ai trasporti Pietro Marcolini, che conclude - il trasporto pubblico locale è un servizio sociale che bisogna garantire\".





Questo è un articolo pubblicato il 29-07-2009 alle 16:21 sul giornale del 29 luglio 2009 - 777 letture