counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > SPORT
articolo

\'Sorridi e corri please!\': i vincitori del concorso fotografico sulla Gran Fondo del Conero

3' di lettura
1463

\"Sorridi e corri, please!\" Un click che vale un premio. Sono stati ricevuti ieri dalla redazione del Resto del Carlino i fotografi vincitori del concorso patrocinato dalla testata anconetana. I tre hanno immortalato, come richiesto dal bando, un momento della Gran Fondo del Conero, svoltasi lo scorso 15 Marzo tra i borghi e le belle colline della Riviera.

\"Sorridi e corri, please!\" Un click che vale un premio. Sono stati ricevuti ieri dalla redazione del Resto del Carlino i fotografi vincitori del concorso patrocinato dalla testata anconetana. I tre hanno immortalato, come richiesto dal bando, un momento della Gran Fondo del Conero, svoltasi lo scorso 15 Marzo tra i borghi e le belle colline della Riviera. L\'organizzatore della manifestazione sportiva Marcello Malizia, presente alla premiazione, ha consegnato a ciascun vincitore una targa premio personalizzata, un ricettario di specialità marchigiane (\"Il gusto al fumetto\", in dialetto e a fumetti), un cd contenente il video e la rassegna stampa della manifestazione, una confezione Carli contenente una bottiglia di olio e una di vino. Insieme a questi omaggi, la redazione del Resto del Carlino ha aggiunto una mini-targa su cui è incisa la prima pagina della prima edizione assoluta del giornale, risalente al 1885.


I nomi. Barbara Marcozzi di Campofilone, titolare dell\'azienda Antica Pasta, che ha meritato il premio scattando delle istantanee del pasta party all\'arrivo dove sono stati serviti i maccheroncini di Campofilone conditi con il tradizionale ragù su ricetta tramandata dal 1400. Un \'dietro le quinte\' che nasconde il grande lavoro di volontari ed esperti del mestiere, proprio come Barbara, che ha contribuito al buon esito della manifestazione assicurando una ricca fornitura dei prodotti della propria azienda.


Pio Renato Sbaffo di Osimo, ciclista veterano e ideatore del Gruppo dei Senza Fretta, il cui simbolo -ovviamente- è la tartaruga. La sua foto congela una circostanza che nessun ciclista si augura: la foratura di una gomma, tra perplessità, disappunto e l\'aiuto di un compagno. A dispetto delle classiche foto in cui si celebrano la velocità e la vittoria, Pio Renato ha congelato un momento di stasi, in cui gli ingranaggi si inceppano e si è costretti a fermarsi. Per chi pensa positivo (o è \"un senza fretta\") tutto sommato una buona occasione per prendere fiato e godere del panorama.


Non presente il terzo vincitore, il Gruppo Ciclistico delle Quaglie Reali di Cesenatico, già però premiato per il suo reportage fotografico sull\'intera manifestazione dalla redazione del Resto del Carlino di Cesena.





Questo è un articolo pubblicato il 23-07-2009 alle 17:44 sul giornale del 23 luglio 2009 - 1463 letture