counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > ATTUALITA'
comunicato stampa

Penna San Giovanni: Luciano Moggi protagonista del festival del libro

2' di lettura
3016

luciano moggi

– Luciano Moggi è l’ospite d’onore della serata di chiusura del Festival “Un libro al mese”, promosso dal Comune di Penna San Giovanni.

L’ex direttore generale della Juventus domenica 2 agosto, alle 15.30, presenterà il suo libro “Un calcio nel cuore” nella suggestiva cornice della terrazza Belvedere. Saranno i giornalisti Bruno Ferretti (Il Messaggero) e Piergiorgio Severini (Rai Sport) ad intervistarlo. Moggi ha deciso di dire la sua.


E lo fa con un libro in cui, con precisione, senza reticenze e anche con orgoglio ricostruisce i fatti di Calciopoli, rilegge e spiega le intercettazioni telefoniche e racconta la storia che l’ha visto trasformarsi, agli occhi dell’opinione pubblica e di milioni di tifosi, da direttore generale di una squadra capace di vincere tutto a “Big Boss” di un’organizzazione in grado di gestire schiere di arbitri, decidere a tavolino risultati e pilotare interi campionati. Ricco di rivelazioni, il racconto di una vicenda che ha sconvolto e fatto discutere tutti gli italiani (ed è ben lungi dall’essere conclusa...) è l’occasione anche per ripercorrere la storia personale di Moggi nel mondo del calcio, dai primi passi come osservatore di giovani promesse ai grandi successi: con la Roma, il Torino, il Napoli e soprattutto con la Juventus.


“Un calcio nel cuore”, scritto da Moggi con Enzo Bucchioni e Mario D’Ascoli, è un racconto che merita di essere ascoltato da tutti quelli che, senza pregiudizi, vogliono cercare di capire cosa è successo: “Più il tempo passa – spiega Moggi – e più cresce dentro di me la sensazione che tutto quello che è successo dal maggio del 2006 in poi abbia prodotto soltanto una finta rivoluzione. Alla folla dei perbenisti, dei benpensanti e degli ingenui sono state date in pasto alcune teste, soprattutto la mia, hanno fatto credere di aver ripulito il calcio dai grandi corruttori per poter ricominciare in modo diverso. Non è così”.


E ancora: “So benissimo cosa ho fatto e cosa non ho fatto. Come mi sono comportato. Dovevo solo tenere sotto controllo un mondo popolato di diavoli e non certamente di santi. Dovevo evitare che non ci fosse il giusto rispetto per la mia società. Se avessi comprato arbitri, aggiustato partite e truccato i campionati come sento dire, mi sarei arreso davanti all’evidenza. Avrei mollato tutto, lasciato il calcio, preso la mia famiglia per andare lontano, a vivere su qualche isola dorata. Non l’ho fatto e non l’ho mai pensato perché non sono un delinquente che deve fuggire inseguito dai carabinieri Ora devo dimostrare chi è veramente Luciano Moggi e ce la farò”. Dunque, domenica 2 agosto appuntamento a Penna San Giovanni. Ingresso libero. La terrazza Belvedere può contenere 250 spettatori (prenotazioni: 392.9053139).



luciano moggi

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-07-2009 alle 14:52 sul giornale del 23 luglio 2009 - 3016 letture

All'articolo è associato un evento