counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > ATTUALITA'
comunicato stampa

Ecosistema incendi 2009: ecco il dossier di Legambiente

3' di lettura
792

incendio

L\'indagine sulla situazione dei comuni italiani nella lotta agli incendi boschivi realizzata nell\'ambito della campagna nazionale “non scherzate col fuoco” di Legambiente e Protezione Civile. La regione marche seconda in classifica per i lavori di mitigazione del rischio incendi boschivi svolti dai comuni. 816 i controlli effettuati lo scorso anno nella nostra regione dal corpo forestale dello stato.

36 gli incendi nel 2008 su una superficie totale di 69 ettari del territorio marchigiano. Questi i numeri dell\'estate 2008, sicuramente confortanti rispetto a quelli del 2007, quando a bruciare erano oltre 5.000 ettari del territorio regionale, ma resta comunque alto l\'allarme incendi in tutto il Paese nonostante migliori l\'attenzione dei comuni coinvolti dal drammatico fenomeno. L\'indagine sul quadriennio 2005-2008 sui dati del Corpo Forestale dello Stato, ha rilevato, nella nostra Regione, dopo il picco del 2007 (con 102 incendi) un ritorno a valori ridotti della superficie bruciata anche se in aumento rispetto al 2005, anno in cui sono stati contati 27 incendi per 37 ettari di terreno bruciati.


Nel 2008 i Comuni interessati dagli incendi sono stati 11 (il4%), stesso dato del 2006; nel 2005, 9 le amministrazioni locali (il 3%) che hanno dovuto fare i conti con il dramma delle fiamme. All\'interno del sistema di prevenzione contro il rischio incendi, si innesta la legge quadro n.353/2000, che prevede il censimento, tramite apposito catasto, dei soprassuoli già percorsi dal fuoco. Questa legge, che risulta essere tra le migliori d\'Europa in questo settore, mette in prima fila le Regioni e i Comuni nello svolgimento di attività di prevenzione e manutenzione dei boschi, nei presidi del territorio e nell\'avvistamento dei focolai. L\'indagine di Legambiente si concentra sui Comuni interessati da incendi di estensione pari o superiore ad un ettaro, nel biennio 2007-2008 per cercare di capire quanto le istituzione abbiano fatto e quanto invece si può e si deve ancora fare in questo settore.


Nelle Marche i Comuni interessati dalle fiamme, nel periodo preso in considerazione, sono stati 44, sul totale di 246 quindi il 18%. A queste amministrazioni è stato sottoposto un questionario finalizzato alla rilevazione dell\'impegno e del rispetto dei parametri previsti dalla legge quadro. La Regione Marche, dall\'indagine svolta, è risultata essere nel 2008 il secondo territorio più laborioso (dopo la Puglia) e più meritevole in materia di prevenzione agli incendi. Il 73% delle amministrazioni marchigiane svolge, infatti, un lavoro complessivamente positivo con un punteggio medio ottenuto di 7 su 10 su tutto il territorio nazionale. Otto comuni marchigiani su dieci (in questo la Regione è prima in tutta la Penisola) realizzano il catasto delle aree percorse dal fuoco e lo hanno aggiornato nell\'ultimo anno. Sempre nel 2008 sono stati 816 i controlli effettuati dal Corpo forestale dello Stato.


“Siamo molto soddisfatti che la nostra Regione sia tra le più virtuose per i lavori di mitigazione dei rischi incendi boschivi – commentano Luigino Quarchioni, Presidente Legambiente Marche e Milko Morichetti, Responsabile Legambiente Marche-Protezione Civile – Ma èessenziale tenere sempre viva l\'attenzione sul pericolo fuoco, questo chiediamo con forza a istituzioni e cittadini. La posta in gioco è alta in quanto è fortemente a rischio il nostro patrimonio boschivo-forestale, che nelle Marche con oltre 300.000 ettari rappresenta un terzo del territorio regionale ed è una notevole risorsa ambientale oltre che turistica. Per Legambiente bisogna ancora di più lavorare sulla l\'informazione e la sensibilizzazione di cittadini e volontari, ed è per questo che da molti anni promuoviamo, in stretta collaborazione con la Regione Marche – Dipartimento della Protezione Civile, la campagna di sensibilizzazione e informazione Non Scherzate col Fuoco”. www.legambiente.eu



incendio

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 21-07-2009 alle 17:12 sul giornale del 21 luglio 2009 - 792 letture