counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > POLITICA
comunicato stampa

Urbino: Corbucci si mobilita per trattenere in città le opere chieste da Brera

2' di lettura
828

franco corbucci

Il sindaco di Urbino Franco Corbucci si è mobilitato per cercare di fermare i propositi della Soprintendenza di Milano di Portare a Brera l’Annunciazione di Giovanni Santi e la predella di Berto di Giovanni, dal 1970 in esposizione presso la Casa Natale di Raffaello.

Il caso è stato sottoposto a vari parlamentari eletti nelle Marche e storici dell’arte impegnati su scala nazionale, chiedendo sostegno alla causa di Urbino.


Questa mattina alla Camera dei Deputati è intervenuto l’On. Massimo Vannucci chiedendo alla Presidenza di attivarsi presso il Ministro per i beni e le attività culturali ai fini di un intervento risolutore del contenzioso instauratosi tra l\'Accademia Raffaello di Urbino e l\'Accademia di Brera in merito alla restituzione di opere d\'arte in rispettivo possesso.


Il presidente di turno, Rocco Bottiglione, ha subito preso in considerazione la richiesta. Il sindaco Corbucci ha anche parlato telefonicamente dell’argomento con l’On. Remigio Ceroni (PDL) e ha tenuto informato l’On. Oriano Giovanelli. “Quella odierna -dice il sindaco Franco Corbucci- è stata una giornata di intensi contatti per salvaguardare gli interessi della città di Urbino e delle Marche.


Ho raccolto ampia solidarietà e sostegno alle nostre tesi. Dopo 40 anni, mi sembra fuori luogo chiedere un trasferimento delle opere in modo così repentino. Se ci sono problemi di climatizzazione nella Casa di Raffaello, occorre dare tempo all’Accademia Raffaello di provvedere.


Nel frattempo le opere in questione possono rimanere custodite nel Palazzo Ducale.


E’ mia intenzione, comunque promuovere una discussione anche con ambienti dell’Avvocatura di Urbino per valutare che possibilità ci siano per riavere qualche opera concepita nella nostra città, per far valere i nostri interessi, da momento che altri sono sempre pronti a far valere i loro”.



franco corbucci

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 16-07-2009 alle 18:19 sul giornale del 16 luglio 2009 - 828 letture