counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > POLITICA
comunicato stampa

Mobile, settimana decisiva per misure anticrisi

2' di lettura
743

parlamento

L’onorevole Vannucci ha presentato emendamenti alla Tremonti ter per detassare gli utili reinvestiti.

Si annuncia una settimana decisiva, la prossima, alla Camera dei deputati per alcuni provvedimenti economici che potrebbero avere un forte impatto nei settori della meccanica e del mobile, strategici in provincia di Pesaro Urbino.


Lo annuncia il deputato Massimo Vannucci. Prendono il via lunedì, alla commissione Bilancio di Montecitorio, le votazioni sul decreto anticrisi, la cosiddetta “manovra estiva”. “È il settimo tentativo in materia - fa notare Vannucci -. Il decreto, pur ritenuto debole e insufficiente, contiene norme relative alla riforma degli ammortizzatori sociali, il contrasto dei paradisi fiscali con il probabile inserimento dello scudo fiscale (rientro dei capitali dall’estero) e le norme per lo sviluppo attraverso la cosiddetta Tremonti ter per la detassazione del 50% degli utili reinvestiti in macchinari”.



“La Tremonti ter - mette in evidenza il parlamentare - è un po’ il cuore del provvedimento e può avere ricadute sul nostro territorio dove i costruttori di macchine utensili e utilizzatori, mobilieri e non solo, è predominante”. In particolare si attende la replica ufficiale del Governo alle richieste avanzate in commissione Bilancio dall’onorevole Vannucci affinché la voce 28 della tabella Ateco, presa a riferimento dal decreto, comprenda anche le macchine per la lavorazione del legno, del vetro, del marmo. Ma per Vannucci “la sfida più importante è quella di estendere la detassazione degli utili reinvestiti anche ad altri beni strumentali come gli arredi per uffici, alberghi, esercizi commerciali. Si potrebbe così dare impulso, oltre al settore del mobile, anche al turismo e alle attività commerciali”.



In questo senso il gruppo del Partito democratico, con Vannucci primo firmatario, ha già chiesto con propri emendamenti la modifica del decreto per comprendere nei benefici della Tremonti ter anche l’acquisto di arredi quando sono beni strumentali all’attività. “La richiesta è rafforzata dalle posizioni di Confindustria - aggiunge Vannucci -. La presidente Emma Marcegaglia, intervenuta in audizione alla Camera, ha espressamente richiesto la modifica per includere i mobili, così come hanno fatto tutte le associazioni dell’artigianato e del commercio. Ampi settori della maggioranza parlamentare sono convinti di questa necessità. Confido quindi in un positivo risultato”.



parlamento

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 12-07-2009 alle 17:38 sul giornale del 13 luglio 2009 - 743 letture