Ambiente: delineati gli indirizzi del sistema Infea

ambiente 2' di lettura 30/05/2009 - La Regione Marche si prepara a varare il prossimo programma triennale di informazione, formazione ed educazione ambientale 2009-2011 (INFEA).

La struttura attuale del sistema Infea è costituita dalla rete territoriale dei Centri di educazione ambientale (CEA), dal Centro regionale Infea Marche, che opera con funzioni di coordinamento, e dai soggetti partner istituzionali e sociali accreditati. Nell’arco del triennio 2006-2008 sono state condotte numerose attività che hanno determinato un positivo impatto economico e occupazionale e un significativo contributo culturale e di diffusione dell’informazione in materia ambientale, coinvolgendo enti locali, scuole, università, comunità locali, associazioni, anziani, diversamente abili.


In considerazione delle attuali condizioni di crisi economica e delle conseguenti minacce occupazionali, come ha evidenziato l’assessore regionale all’Ambiente, Marco Amagliani, le azioni in questo settore si pensa possano offrire un efficace contributo in termini di occupazione, in particolare giovanile, ma possano soprattutto costituire uno strumento importante nella costruzione di strategie finalizzate alla ripresa socioeconomica generale. La rete dei CEA, con 5 laboratori provinciali, 7 laboratori territoriali, 20 centri di esperienza e 8 centri aggiuntivi, è in grado di coprire la gran parte dell’intera geografia sociale, dalle città alla campagna, alle zone montane delle Marche, e rappresenta, per questo motivo, un insostituibile braccio operativo delle amministrazioni e degli enti pubblici per veicolare informazione e sensibilizzazione rispetto ai temi ambientali.


Nei prossimi tre anni, l’obiettivo è garantire la continuità alle attività della rete e del Centro regionale Infea Marche; tra queste la manifestazione “Scuola Laboratorio Ambiente”, finalizzata alla promozione di progetti scolastici, in attuazione dell’intesa tra Regione e Ufficio scolastico regionale; l’iniziativa nazionale “Un Libro per l’ambiente”, promossa da Legambiente Marche; l’organizzazione della seconda edizione della borsa regionale di educazione ambientale e turismo natura; la partecipazione a iniziative di settore; la promozione di iniziative per la diffusione della conoscenza scientifica e della cultura della sostenibilità; lo sviluppo del portale internet www.infea.marche.it ; corsi di formazione per educatori e operatori CEA. Le risorse a disposizione per il 2009 sono pari a 165.248,92 euro: una quota compresa tra il 50% e il 60% sarà destinata ai servizi e alle iniziative da svolgersi prevalentemente nella sede del Centro regionale Infea di Colle Sereno nel Comune di Montemarciano; una quota compresa tra il 40% e il 50% sarà destinata alla realizzazione della terza annualità dell’intesa con l’Ufficio scolastico regionale per sostenere i migliori progetti di educazione ambientale “Scuola Laboratorio Ambiente”, secondo un apposito bando selettivo.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-05-2009 alle 14:17 sul giornale del 30 maggio 2009 - 811 letture

In questo articolo si parla di ambiente, regione marche, politica





logoEV
logoEV