counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > ATTUALITA'
comunicato stampa

Sanità: impegni confermati dalla Regione per gli infermieri

3' di lettura
1284

Infermieri

Maggiore coinvolgimento delle professioni infermieristiche nelle decisioni e potenziamento della collaborazione, incremento degli operatori per le sostituzioni, istituzione operativa dei dipartimenti delle professioni sanitarie, sviluppo della formazione.

Sono questi alcuni dei principali impegni confermati dal presidente della Regione Marche Gian Mario Spacca e dall’assessore alla sanità Almerino Mezzolani oggi nel corso di un incontro, convocato al fine di fare il punto sulle problematiche del settore, con i Collegi IPASVI (l’ordine degli infermieri professionali assistenti sanitari vigilatrici d\'infanzia coordinato) delle Marche, rappresentati da Laura Biagiotti, Marcello Bozzi, Patrizia Ciccanti e Sandro Scipioni. “Siamo coscienti – ha sottolineato Spacca – del grande impegno e dello spirito di sacrificio delle professioni infermieristiche nel sistema sanitario regionale.


Per questo riteniamo prioritario valorizzare il ruolo degli infermieri e consolidare misure rapide con l’obiettivo di facilitare i loro compiti, perché la buona sanità si costruisce insieme. La funzione degli infermieri, infatti, è di fondamentale importanza per confermare la elevata qualità del diritto alla salute che la comunità marchigiana sperimenta”. Dello stesso avviso Mezzolani che ha ribadito la necessità del coinvolgimento di tutti gli attori per costruire una buona sanità e ha assicurato che gli impegni presi testimoniano l’attenzione nei confronti della categoria da parte della Regione.Da parte loro i rappresentanti dei Collegi IPASVI delle Marche hanno sottolineato la soddisfazione per la disponibilità dimostrata dalla Regione.


Di seguito sono elencati i punti su cui Regione e IPASVI hanno trovato l’intesa. SOSTITUZIONI: in relazione agli organici, è stato stimato un incremento di risorse assistenziali pari al 2% e verranno previste misure di potenziamento per la garanzia della continuità assistenziale e per supportare il maggiore carico lavorativo legato alle assenze che in particolare riguardano:


• la L. 104/1992 (in pesante aumento) • i benefici previsti dalla L. 151/2001 (gravidanze – in percentuali diverse, a seconda dell’entità del fenomeno per ogni singola azienda)


• le compensazioni per la garanzia della continuità nelle fasce orarie non coperte dai part-time • le assenze per formazione continua (ECM) Detti interventi dovranno essere legati ad approfondimenti specifici per ogni azienda. COLLABORAZIONE E FORMAZIONE: è prevista la definizione di un gruppo di progetto professionale costituito da infermieri dirigenti o i direttori di Dipartimento delle professioni sanitarie individuati dal Servizio Salute della Regione.


Verrà avviato il Progetto “Sistema Qualità” che presuppone l’ attivazione di uno specifico gruppo di lavoro (trasversale e multi-professionale), con il coinvolgimento diretto degli infermieri. Valutato anche l’inserimento dei Collegi IPASVI (come già presente in altre regioni) nel sistema di accreditamento regionale nel sistema di formazione ECM (Educazione Continua in Medicina) anche attraverso iniziative di aggiornamento sviluppate dai Collegi Provinciali, concordate con il sistema regione, da realizzare nell’intero territorio regionale. DIPARTIMENTI


Saranno programmati per il secondo semestre 2009 i concorsi per Aziende Ospedaliere, ASUR e INRCA e per il primo trimestre 2010 i concorsi per le Zone Territoriali. In merito alle articolazioni organizzative e alla matrice delle responsabilità un gruppo di lavoro costituito da Direttori Generali, Sanitari e Amministrativi, Dirigenti Regionali e Dirigenti Infermieri, si confronterà per la definizione delle collaborazioni, integrazioni, interazioni e condivisioni per ogni livello delle articolazioni organizzative (vedi CCNL Area Dirigenza–Art. 8).


Nota: Il dipartimento è’ un’articolazione organizzativa che, ai diversi livelli (Direzione Generale, Direzione di Zona Territoriale, Area Professionale, Dipartimenti, Unità Operative, Strutture Territoriali), ha la responsabilità della programmazione, organizzazione e gestione delle attività assistenziali afferenti all’area infermieristico, ostetrica, tecnica, della riabilitazione e della prevenzione e delle prestazioni alberghiere, nonché della verifica e valutazione dei risultati ottenuti, al fine di garantire la qualità delle prestazioni assistenziali, la continuità assistenziale e l’utilizzo più razionale possibile delle risorse disponibili.



Infermieri

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-05-2009 alle 14:57 sul giornale del 22 maggio 2009 - 1284 letture