Ancona: Dario Franceschini lancia il Pd a sostegno di Gramillano

3' di lettura 16/05/2009 - Dario Franceschini ha incontrato la cittadinanza e alcuni rappresentanti della coalizione per un confronto sulla situazione anconetana e nazionale.

Ad accoglierlo una sala gremita e le forze politiche di centro-sinistra, tra cui il presidente della Regione Gian Mario Spacca che ha presentato la realtà della coalizione.

\"Abbiamo voluto offrire una platea che rappresentasse forza e coesione - ha detto Spacca - e stiamo sperimentando questa forza soprattutto in un momento di crisi economica. E\' possibile adottare provvedimenti quando c\'è volontà e sensibilità, e noi vogliamo essere d\'esempio per il nostro paese, sicuri che la collaborazione sulla filiera istituzionale è fondamentale. Abbiamo compensato i tagli con una forte collaborazione tra regione, province e comuni, ma ci sta aiutando soprattutto l\'Europa. Non possiamo quindi dimenticare il nostro candidato Palmiro Ucchielli, che si candida come deputato europeo, appoggiandolo e facendogli i nostri migliori auguri.\"


Il candidato sindaco Fiorello Gramillano ha esposto pensieri e prospettive per la città di Ancona al segretario in visita, al quale ha dato il benvenuto, invitandolo a tornare con più calma.

\"Il PD è in rimonta - ha detto Gramillano - cercheremo di arrivare all\'obiettivo al primo turno. Voglio far conoscere una città ormai punto di riferimento per la cultura europea, porta verso i Balcani, l\'Oriente e l\'Europa tutta. Ancona ha bisogno dei nostri valori: laicità, attenzione ai più deboli, umiltà, spirito di servizio, e credo che possa essere un riferimento per la regione intera con le eccellenze nella sanità e nell\'università, senza negare però un\'attuale carenza di infrastrutture.\"


Gramillano, ricordando la sua esperienza da preside, ha messo a fuoco anche la situazione delle scuole anconetane: \"Vogliamo valorizzare la scuola pubblica in opposizione a queste leggi scriteriate fatte solo di tagli. Ho di fronte dei tentativi assurdi del governo, che taglia le forze dell\'ordine e poi mi chiede di denunciare alunni senza il permesso di soggiorno. Credo in una diversa integrazione e questa città multiculturale sta ritrovando con noi un progetto più ampio e più serio.\"


Ha preso quindi la parola il segretario nazionale del PD Dario Franceschini, che già la mattina aveva visitato il porto di Fano e ascoltato i lavoratori.

\"In questi giorni sto prendendo molti treni regionali - ha detto Franceschini - per stare a contatto con la gente e ascoltarne i bisogni. Viviamo un periodo di crisi ma l\'Italia è un paese che da sempre dà il meglio nei momenti di difficoltà, e potrà uscire prima di altri paesi da questa situazione. Il governo non sta facendo niente per affrontare la crisi e puntualmente boccia le nostre proposte in Parlamento riguardo a famiglie, commercianti, povertà estrema. Ma noi non crediamo che le cose vadano dette in fretta davanti a un microfono e vorremmo che ogni nostra proposta venga discussa in Parlamento, per fare scelte di serietà. Non accetterò mai la logica aberrante per cui un politico non dice una cosa soltanto perchè i sondaggi gli dicono che non conviene dirla.\"


Riguardo alla questione anconetana, Franceschini ha parlato delle imminenti elezioni comunali: \"E\' bene che Gramillano vinca al primo turno, in modo da risparmiare anche soldi, che di questi tempi sono doppiamente preziosi. Abbiamo molte cose da fare con impegno, sapendo che la politica non è solo televisione. Il PD è nato per cambiare il paese con coraggio, senza guardare il risultato del giorno dopo, ma con prospettive ampie. Allora saremo vincenti, ma dobbiamo parlare con una voce sola.\"


Il segretario del PD ha poi salutato gli anconetani per proseguire il tour marchigiano ad Ascoli. Clicca il pdf per l\'elenco dei candidati dal Pd alle elezioni comunali.








Questo è un articolo pubblicato il 16-05-2009 alle 17:18 sul giornale del 16 maggio 2009 - 2496 letture

In questo articolo si parla di politica, partito democratico, gian mario spacca, palmiro ucchielli, pd, Dario Franceschini, Simone Ghergo, fiorello gramillano





logoEV
logoEV