Recanati: violentava bambini e li filmava, arrestato un 50enne

carabinieri arresto 1' di lettura 01/05/2009 - Ha molestato e violentato minori per mesi e mesi. Retrescena macabri e raccapriccianti quelli scoperti dall\'Arma dei Carabinieri di Recanati, in collaborazione con i colleghi della compagni di Civitanova Marche diretti dal capitano Candelli. In manette è finito M.B., un 50enne di Recanati.

L\'accusa con cui è stato arrestato M.B. è quella di violenza sessuale su minori commessa dietro minacce. Le indagini, interamente seguite dai sottufficiali della stazione recanatese sotto il coordinamento del Sostituto Procuratore della Repubblica maceratese Dr. Claudio Rastrelli, sono scaturite dalla denuncia presentata dal genitore di un minore, un undicenne, all’arma di Recanati.


I racconti, raccapriccianti, hanno messo in luce squallide attività di adescamento e pratiche sessuali reiterate per diversi mesi ai danni di diversi ragazzini, tutti di età inferiore ai 14 anni. Le perquisizioni e i sequestri dei computer del mostro di Recanati, comprensive anche di memorie esterne del pc e chiavi usb, hanno rivelato un copioso materiale pedopornografico composto di foto e filmati girati dall’uomo mentre praticava violenze sui minori. Inquietante che l’uomo, sospettando che fosse stata presentata una denuncia ai carabinieri, ha in extremis formattato molti file e distrutto in un tritacarte le numerose foto sviluppate.


Nonostante ciò il materiale in possesso agli investigatori è stato ritenuto assolutamente attendibile e, sussistendo esigenze cautelari idonee a giustificare l’applicazione di misura cautelare per il concreto pericolo che questi potesse commettere altri delitti della stessa specie, il Giudice per le indagini preliminari ha emesso l’ordinanza di custodia cautelare in carcere, prontamente eseguita dai militari recanatesi che hanno condotto il 50enne in carcere.






Questo è un articolo pubblicato il 01-05-2009 alle 14:58 sul giornale del 02 maggio 2009 - 921 letture

In questo articolo si parla di cronaca, giulia mancinelli, carabinieri, recanati, arresto





logoEV
logoEV